Cortona Jazz Festival, al via la prima edizione dal 27 aprile

Print Friendly, PDF & Email
cortona jazz festival

Dal 27 aprile all’1 maggio arriva la prima edizione del Cortona Jazz Festival, un festival di cinque giorni, con diciotto concerti itineranti, una scuola di improvvisazione e grandi musicisti americani, dedicato al jazz e alla città di Cortona.


L’evento è a cura dell’Associazione Culturale Mammut e con il patrocinio del Comune. La manifestazione musicale si apre con il  Conservatoire supérieur de Musique de Genève, il conservatorio jazz più antico e importante d’Europa, che ha come ospiti speciali cinque studenti con il loro docente. Altri sette studenti prevengono  dal Santa Cecilia di Roma, cinque dal conservatorio Morlacchi di Perugia. Una loro  performance è prevista al Museo MAEC sabato 28 Aprile alle 18,30.

I Workshop nell’Antica Fortezza del Girifalco, sono aperti a chiunque voglia cimentarsi con i quattro docenti: Giulio Stracciati direttore artistico del festival che insegna chitarra; Ares Tavolazzi mitico contrabbassista fondatore degli Area, il gruppo progressive più innovativo degli anni ’70; Stefano Cocco Cantini, sassofonista, uno dei pochi musicisti italiani che ha potuto suonare con Chet Baker e Michel Petrucciani e per la voce Romina Capitani, docente del Siena Jazz. Per informazioni e costi: 3356790882

I  concerti coinvolgono totalmente la città dalle piazze, il Parterre il Poggio e la Fortezza. Si parte venerdì sera al bookshop di Palazzo Ferretti in Via Nazionale con la voce di Romina Capitani, per poi proseguire, con il trio dei tre docenti del Cortona Jazz, Stracciati, Cantini e Tavolazzi, che si esibiranno al tramonto sulla stupenda piazza davanti al Duomo. Sabato ci sarà la già citata performance degli studenti, che interagiranno con le numerose opere etrusche presenti nelle sale del Museo dell’Accademia Etrusca. A seguire degustazione delle eccellenze enologiche locali offerto dal Consorzio Vini Toscana. Inoltre, da non perdere Giancarlo Schiaffini, uno dei maggiori rappresentanti di musica contemporanea che insieme ad Alìpio Neto presenteranno il loro libro “Immaginare la musica: per un’estetica fenomenologica della composizione contemporanea” e si esibiranno sucessivamente in quartetto al Teatro Signorelli. A seguire sempre al Teatro, il duo Jerome Sabbagh, sassofonista di Parigi e Laurent Coq pianista di New York.
Domenica sarà la giornata più ricca: oltre ai musicisti del Conservatoire Supérieur de Musique de Genève in piazza Repubblica, ci sarà l’imperdibile Ohad Talmor, sassofonista di Boston, che si esibirà davanti alle suggestive sculture di Tylson davanti alla Fortezza del Girifalco. La serata si concluderà dentro il cortile della Fortezza con quello che è forse l’evento clou del Festival, Ravish Momin, Val Jeanty, musicisti di elettronica da New York che dialogheranno con il virtuoso sassofonista Alìpio C Neto, per un concerto imperdibile.
Lunedì il Festival si sposterà al Sodo presso la limonaia dell’Hotel il Melone per l’esibizione del trio Riccardo Gola di Roma. Martedì primo Maggio, partiremo dal picnic in fortezza con Anna Rossi e Dario Napoli, nelle due Piazze del Centro storico invece si esibiranno gli Uadg di Perugia, gli aretini Jazz Mania Trio e il trio Fring che chiuderanno il Festival ai giardini del Parterre. Tutti i concerti sono ad ingresso libero.

Info: www.cortonajazz.org

Potrebbe interessarti:

tjf 2018

TORINO JAZZ FESTIVAL 2018, DAL 23 APRILE AL VIA LA VI EDIZIONE

RAVENNA JAZZ 2018: ARRIVANO I MANHATTAN TRANSFER, CHICK COREA E FABRIZIO BOSSO

IL 30 APRILE SI CELEBRA LA GIORNATA INTERNAZIONALE DEL JAZZ

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti