Giordania, partita la spedizione del CAI per scoprire nuove vie di arrampicata e canyoning

Print Friendly, PDF & Email

Il Jordan Tourism Board, in collaborazione con il CAI, ha organizzato una spedizione composta da 13 alpinisti italiani di fama internazionale che saranno in Giordania, dal 22 al 29 aprile per scoprire e preparare nuove vie e itinerari di arrampicata e canyoning nella zona a est di Showbak (tra Wadi al Marmath e Wadi Malaga) nota soprattutto per la fortezza crociata di Montréal.


Il gruppo di alpinisti del CAI sarà affiancato da esperti locali, escursionisti, alpinisti e canyoneer, che supporteranno la spedizione con le loro conoscenze territoriali.

L’obiettivo di tale spedizione è quello di far emergere nuovi itinerari turistici e sportivi in Giordania, mediante il supporto di una delle associazioni alpinistiche più famose al mondo, in grado di allestire via di arrampicate e tracciare gli itinerari all’interno dei vari canyon (o wadi) presenti in quella zona, dando loro una denominazione che sarà in seguito utilizzata per promuovere il turismo avventura e sport a livello internazionale.

Altro obiettivo è quello di cambiare l’immagine stereotipata della Giordania mostrando prodotti diversi rispetto a quelli già ben noti.

L’evento sarà seguito a livello social. Il JTB ha predisposto una task force social per seguire la spedizione al fine di ottimizzare l’evento e renderlo noto a livello mondiale

 

Ulteriori informazioni al sito:  www.visitjordan.com

Potrebbe interessare:

Il 2018 sarà l’anno del cibo italiano
Cresce la Giordania sul mercato italiano
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti