Milano for Dummies: è la nuova Guida di Hoepli sul capoluogo lombardo

Print Friendly, PDF & Email

I manuali “For Dummies” (Per Negati) sono delle guide che in modo semplice e chiaro aiutano i novizi ad acquisire conoscenze su un dato argomento. Nati negli Stati Uniti agli inizi degli anni Novanta hanno riscosso un enorme successo da essere tradotti in molte lingue, tra cui l’italiano. In Italia sono editi dalla casa editrice milanese Hoepli e gli argomenti trattati sono i più vari: filosofia, web marketing, esperimenti scientifici, trading online; per citarne alcuni.

Tra questi c’è una preziosa guida su Milano scritta da Mauro Morellini. Il capoluogo lombardo è una delle città più visitate d’Italia, famosa in tutto il mondo per la sua dinamicità e la creatività. Una città cosmopolita da vivere a pieno grazie a questa guida che si rivela utilissima sin da subito: nelle alette sono presenti la mappa delle metro milanese e un riassunto di tutti gli eventi della città mese per mese. Attraverso due simboli, la lampadina e “l’uomo negato” vengono indicati rispettivamente consigli e curiosità.

Se nei primi 3 capitoli Morellini descrive la Milano più celebre, raccontandone la storia, i monumenti e i luoghi simbolo e dando indicazioni pratiche su come spostarsi, dove recarsi per trovare infopoint, nei restanti 5 passa in rassegna ristoranti, luoghi della movida, dello shopping, quelli nascosti e must da non perdere.

Il capitolo dedicato ai Luoghi Nascosti descrive le bellezze segrete del capoluogo lombardo, come la Chiesa di Santa Maria presso San Satiro, i Giardini di Guastalla, la Cripta di San Giovanni in Conca e la Chiesa di San Bernardino alle Ossa.

Ma Milano è anche la capitale mondiale dello shopping, dove andare per gli acquisti? Morellini suggerisce oltre ai negozi del Quadrilatero della moda tra via della Spiga, via Montenapoleone e via Manzoni, negozi adatti a tutte le tasche ed esigenze: dai grandi department store agli store fuori dagli schemi, passando per outlet e mercati.

 

E per godersi Milano by night? Indicati non solo i quartieri della movida (sia gli storici come i Navigli che quelli esordienti come Isola), ma anche i locali storici (come il Camparino per citarne uno), quelli più amati dai milanesi, i rooftop bar e i vari club come il Fabrique, l’Alcatraz, la Sacrestia e l’Hollywood. L’autore poi dedica un intero paragrafo all’aperitivo, elencando le 5 regole da seguire per vivere al meglio questo rito.

Potrebbe interessarti:

Un weekend in bici in Lombardia

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti