Che mondo sarebbe senza Nutella? Da 54 anni è la crema al cioccolato più amata

Print Friendly, PDF & Email

Correva l’anno 1964 quando, il 20 aprile, nelle case degli Italiani fece il suo ingresso il primo barattolo di Nutella, diventata poi la crema spalmabile al cioccolato più amata al mondo.


Oggi questa prelibatezza del Made in Italy ha 54 anni, vale sul mercato milioni di dollari e in America hanno anche creato in suo onore il World Nutella Day, celebrato il 5 febbraio.

La nascita

La Nutella nacque ad Alba, nella sede dell’industria dolciaria piemontese Ferrero, che ha dato vita alla famosa crema gianduja.

Un mix di cacao e nocciole ideato sulla base di un prodotto precedente, la “Pasta Giandujot”, diventata poi “SuperCrema”. 

Appena arrivata nei supermercati, la Nutella piacque talmente tanto che attirò l’attenzione dei consumatori italiani. Da questo momento iniziò la sua diffusione in tutto il mondo, a partire da Germania e Francia.

Dal cinema alle canzoni, è Nutella mania

Nanni Moretti in “Bianca”

Nudo e depresso, in una cucina triste e un po’ squallida, ma… con un enorme barattolo di Nutella: èuna delle scene più famose del cinema di Nanni Moretti, un vero e proprio tributo alle virtù della crema spalmabile.

Nel 1992, il goloso barattolo di crema alla nocciola veniva inserito da un sondaggio addirittura tra le cinque cose per le quali vale la pena vivere, per poi conquistare nel 2014, in occasione del cinquantesimo compleanno, l’emissione di uno specifico francobollo.

Ma Nanni Moretti, alias Michele Apicella in “Bianca”, non è stato il solo a rendere omaggio alla Nutella.

Tra cinema, musica e letteratura le citazioni si sprecano.

Giorgio Gaber & Ivan Graziani

Giorgio Gaber la inserì nella canzone ‘Destra-Sinistra’, dove, forse in maniera un po’ azzardata, la etichettava come “ancora di sinistra”, mentre la cioccolata svizzera sarebbe stata “di destra”.

Ivan Graziani le dedicò addirittura un’intera canzone pop-erotica (‘Lanutella di tua sorella’), in cui invocava massaggi a base di crema alla nocciole, ma azzardava anche qualche metafora a sfondo sessuale. 

Nel libro di Riccardo Cassini

Nella bibbia dei ‘nutellomani’, vale a dire “Nutella Nutellae” di Riccardo Cassini, la crema della Ferrero diventa la protagonista dei grandi classici della letteratura.

Senza parlare delle decine di libri di cucina dedicati a questo prodotto, un caso più unico che raro nel mondo dell’editoria gastronomica.

Gli spot

Ma se la Nutella e gli altri prodotti della casa di Alba sono diventati così familiari e hanno invaso le case di tutti, si deve molto anche alle pubblicità, spot e slogan diventati veri e propri tormentoni.

Come quello, negli anni Sessanta, con Jo Condor, o quello negli anni Novanta che ha inventato la moda del Nutella Party.

Per non dimenticare lo spot realizzato in vista dei Mondiali di Calcio 2006 e quello, qualche anno più tardi, con la voce di Luciano Pavarotti che dà il suo buongiorno a tutti gli italiani.

 

 

Potrebbe interessare:

Il tiramisù nelle sue diverse versioni Il tiramisù nelle sue diverse versioni
La Roma nascosta e autarchica di Nanni Moretti

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti