Palermo dedica una retrospettiva a Robert Capa

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Il Real Albergo dei Poveri omaggia dal 25 aprile al 9 settembre Robert Capa, una delle figure di spicco del fotogiornalismo del XX secolo, con una retrospettiva


Robert Capa (Budapest, 22 ottobre 1913-Thai Binh, Indocina, 25 maggio 1954), è lo pseudonimo di Endre Friedmann, inventato nel 1936 insieme alla compagna Gerda Taro.

La rassegna presenta 107 fotografie in bianco e nero, che il fotografo, fondatore di Magnum Photos nel 1947 insieme a Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David “Chim” Seymour e William Vandivert, ha scattato dal 1936 al 1954, anno della sua morte in Indocina, per una mina anti-uomo.

Eliminando le barriere tra fotografo e soggetto, le sue opere raccontano la sofferenza, la miseria, il caos e la crudeltà della guerra.

Gli scatti, divenuti iconici – basti pensare alle uniche fotografie (professionali) dello sbarco in Normandia delle truppe americane, il 6 giugno 1944 – ritraggono cinque grandi conflitti mondiali del XX secolo, di cui Capa è stato testimone oculare. «Se la tendenza della guerra – osserva Richard Whelan, biografo e studioso di Capa – è quella di disumanizzare, la strategia di Capa fu quella di ri-personalizzare la guerra registrando singoli gesti ed espressioni del viso.

L’esposizione si articola in 12 sezioni: Copenhagen 1932, Francia 1936-1939, Spagna 1936-1939, Cina 1938, Gran Bretagna e Nord Africa 1941 – 1943, Italia 1943 – 1944, Francia 1944, Germania 1945, Europa orientale 1947, Israele 1948-1950, Indocina 1954. La mostra si conclude con una sezione dedicata ai Ritratti di amici e artisti: Gary Cooper, Ernest Hemingway, Ingrid Bergman, Pablo Picasso, Henri Matisse, Truman Capote, John Huston, William Faulkner, Capa stesso insieme a John Steinbeck, e infine un ritratto del fotografo scattato da Ruth Orkin nel 1951. Una sezione speciale della mostra è dedicata alle fotografie scattate da Capa in Sicilia. 

Credits

Denis Curti

Informazioni:

Robert Capa Retrospective

Palermo, Real Albergo dei Poveri, Corso Calatafimi, 217

25 aprile – 9 settembre 2018

Orari:

Dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle 19

(la biglietteria chiude alle ore 18)

Biglietti: 

Intero: 10,00€

Ridotto: 9,00€

Fonte: Civita

Potrebbe interessarti:

A Pisa arriva la mostra di Doisneau, il pescatore d’immagini
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti