Roma: all’Auditorium il racconto della storia d’Italia attraverso le immagini della Polizia scientifica

Print Friendly, PDF & Email

Roma. È stata inaugurata questa mattina allo Spazio Risonanze dell’Auditorium Parco della Musica a Roma, la mostra fotografica “Frammenti di storia. L’Italia attraverso le impronte, le immagini e i sopralluoghi della Polizia Scientifica”.


 

La mostra che aperta fino al 14 aprile, ripercorre alcuni dei momenti più drammatici e significativi della storia del Novecento e dell’inizio del nuovo Millennio, attraverso il lavoro ultracentenario della Polizia scientifica, un’eccellenza del panorama mondiale sempre al servizio delle libertà del cittadino.

Nello spazio espositivo sono in mostra immagini esclusive relative a fatti che hanno segnato la storia del nostro Paese come l’arresto di Sandro Pertini, il futuro presidente della Repubblica, fermato dai fascisti, l’omicidio di Giacomo Matteotti avvenuto nel 1924, e poi, risalendo la corrente del tempo, il mostro di Firenze, le stragi di mafia e quelle dell’eversione nera

Il capo della Polizia nel suo intervento ha sottolineato che “la Mostra restituisce alla memoria un pezzo fondamentale di un’eccellenza della nostra amministrazione. La Polizia scientifica affonda le sue radici all’inizio del secolo scorso e nonostante le nuove tecnologie devo dire un grazie alla passione e alla dedizione degli uomini e delle donne della Polizia scientifica che fanno l’elemento decisivo nelle indagini”.

La mostra fa parte degli eventi legati alle celebrazioni del 166° Anniversario della Fondazione della Polizia che si svolgono il 10 aprile in tutte le città d’Italia.

Fonte: Polizia di Stato

Potrebbe interessarti:

Roma, anticipata la chiusura della mostra dei Pink Floyd. Ma perché?

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

I 7 castelli più belli dell’Irlanda

L’Irlanda è un’isola dal sapore magico e terra d’origine della misteriosa  mitologia celtica che  affascina abitanti e non. Ricca di castelli,  di luoghi oscuri e e pieni ...
Vai alla barra degli strumenti