A Santa Severa arriva un ostello nel castello baciato dal mare

Print Friendly, PDF & Email

Santa Severa. Il ‘Castello baciato dal mare’, la splendida rocca di Santa Severa sulla costa a pochi chilometri a nord di Roma di proprietà della Regione Lazio, si arricchisce di un Ostello, di un ‘innovation lab’ e di nuovi allestimenti museali.


Le novità sono state presentate due giorni fa dal governatore Nicola Zingaretti: “E’ l’Ostello più bello d’Europa, forse del mondo. E’ stata una scelta di campo dedicare un bel luogo pubblico alle giovani generazioni e alle famiglie, a una fruizione per i non ricchissimi, in un castello bellissimo sul mare che era chiuso e rischiava di rimanere abbandonato. Invece, riprende vita”.

La struttura ricettiva può accogliere già da domani, a prezzi contenuti, 42 ospiti in 14 camere. 

E’ pensato per i giovani turisti e le famiglie che intendono coniugare la vacanza culturale con gli sport acquatici come il surf, di cui la spiaggia di S. Severa è uno dei ‘paradisi’ italiani.

L’Innovation lab, invece, sviluppato da LazioCrea, con il contributo di Volkswagen, consente ai visitatori delle aree museali di godere degli effetti della realtà aumentata e virtuale.

I contenuti sono stati accoppiati a monitor touch oppure a sistemi video immersivi e interattivi su pellicole trasparenti o vetro.

Le tecnologie sono state applicate a luoghi come la Rocca, la Torre Saracena o la Sala Nostromo; i visitatori potranno anche scaricare una app che offrirà tutte le informazioni.

Con l’apertura dell’ostello, della musealizzazione e dell’innovation lab giunge a compimento la seconda fase del progetto che punta a consolidare il ruolo del Castello quale polo culturale.

Riaperto in maniera permanente un anno fa dalla Regione, d’intesa con Mibact e Comune di S. Marinella, il Castello è stato meta, in 12 mesi, di oltre 50 mila visitatori, e ha ospitato mostre, spettacoli, eventi e concerti.

All’interno del Castello potranno essere concessi in affitto gli spazi anche ad aziende e a privati per convegni, conferenze, dibattiti, corsi, seminari, proiezioni, spettacoli, manifestazioni culturali, mostre ed attività espositive a carattere temporaneo.

Ma anche per eventi, banchetti e ricevimenti, matrimoni religiosi e civili, servizi fotografici e riprese televisive o cinematografiche.

Alla presentazione hanno partecipato anche il vicepresidente della Regione Massimiliano Smeriglio e gli assessori al Demanio Alessandra Sartore e al Turismo Lorenza Bonaccorsi.

Potrebbe interessare:

Sposarsi a Roma tra rito religioso e civile
Il premio “Borgo dei Borghi” va a Gradara
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti