A Kentannos, l’indagine sulla Sardegna nell’immaginario degli italiani

Print Friendly, PDF & Email
a kentannos

L’indagine sulla percezione della Sardegna “A kentannos” realizzata dall’Eurispes con il contributo della Regione Sardegna, ha messo in luce le tante facce della Sardegna presenti nell’immaginario collettivo degli italiani.


“A Kentannos” ha come finalità la rilevazione dell’immagine complessiva del territorio nel percepito degli italiani, distinguendone i contenuti di conoscenza e di emozione, e le componenti turistiche e produttive. L’indagine è stata condotta sulla base della convinzione che “in tempi di globalizzazione, l’identità locale torna ad essere un valore, solido, spendibile. Riconoscibile, aggregante e maieutico”, spiega il Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara.

La Sardegna è una grande espressione di spazio e di tempo: lo spazio è definito dal mare, dalla natura e dai valori ad essi associati, il tempo dalla tradizione, che conferisce un senso ancestrale unico ai prodotti della natura e dell’uomo – sostiene il professor Alberto Mattiacci, Direttore Scientifico Eurispes e coordinatore della ricercaLa grande questione che emerge dal quadro è se i sardi saranno capaci di prendere in mano questo tesoro e trasformarlo in ricchezza”.

La ricerca è stata condotta attraverso la somministrazione di un questionario strutturato ad un campione rappresentativo della popolazione italiana, costruito anche sulla base delle risultanze di un focus group.

I risultati dell’indagine: Un italiano su due (45,3%) ha visitato la Sardegna: il 73,1% da una a tre volte per trascorrervi una vacanza e il 19,5% cinque e più volte, quest’ultimi sia per vacanza (38,8%) sia per fare visita a parenti ed amici (61,2%). Quasi 7 su 10 sono stati in Sardegna nel periodo estivo. Nell’immaginario degli italiani, la Sardegna è legata per lo più a fattori relativi all’offerta turistica. I principali punti di forza risultano essere la costa e il mare (98,6%), la presenza di posti da vedere e cose da fare (84,9%), l’attrattività delle città (74,5%), la disponibilità all’accoglienza dei residenti (74,5%). Tra i principali punti di debolezza: i collegamenti per raggiungerla (78,8%), il livello di sviluppo dell’industria (78,1%), il costo della vita (57,3%).

Nel Top of Mind delle attività produttive associate alla Sardegna al primo posto si individuano le produzioni agroalimentari, bevande (per lo più vino, mirto e birra) e cibo che rappresentano il 65,4% delle risposte fornite dagli intervistati. Nell’ambito della categoria food la produzione di formaggio è quella più importante, rappresenta il 17,4% e, in particolare, il pecorino sardo; seguito dal pane, che si identifica con il pane carasau (9,4%), con il vino, che è per lo più cannonau (8,9%), i dolci, come le seadas e il torrone (7,1 %).

Ma è certamente il turismo che caratterizza maggiormente l’immagine produttiva della Sardegna: il turismo è stato indicato dal 97% degli intervistati che ha attribuito un valore “molto” e “moltissimo” alla rappresentatività produttiva di questo settore; a seguire il settore artigianato (79,2% di valutazioni pari a molto e moltissimo); il vino (79,2% di valutazioni pari a molto e moltissimo); l’agroalimentare (78,5% di valutazioni pari a molto e moltissimo); la nautica (66,7% di valutazioni pari a molto e moltissimo).

In estrema sintesi, l’analisi condotta delinea un’immagine complessiva positiva basata principalmente su aspetti cognitivi. Si tratta di un’immagine che non si discosta significativamente dalla realtà, seppure ne enfatizzi soltanto alcuni aspetti, come ad esempio la sua vocazione turistica e ne minimizzi altri, come ad esempio lo sviluppo tecnologico. Esistono, tuttavia, delle differenze che emergono secondo le diverse fasce d’età e che rappresentano informazioni utili per la definizione di azioni correttive o di rafforzamento dell’immagine della Sardegna.

Info e indagine integrale: www.eurispes.eu

Potrebbe interessarti:

STORIE DI FENICOTTERI IN SARDEGNA

VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEI 7 GIARDINI STORICI DELLA SARDEGNA

Sulcis-Iglesiente, cosa vedere nella parte selvaggia della Sardegna

SULCIS-IGLESIENTE, IL LATO SELVAGGIO DELLA SARDEGNA

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti