Le 10 mete low cost nel mese di giugno

Print Friendly, PDF & Email

Con il mese di giugno si apre ufficialmente l‘estate. Nel mese con le giornate più lunghe dell’anno sono tanti coloro che decidono di mettersi in viaggio per godersi i primi caldi della stagione. E non mancano le offerte da cogliere al volo, elencate da Skyscanner.


Mete low cost, città d’arte e località marittime tutte da vivere: ecco le mete da non farsi scappare a giugno:

  1. Belfast – Inserita dalla Lonely Planet al primo posto delle destinazioni da visitare nel 2018, Belfast è la città più cool del momento e per molti aspetti una città nuova di zecca. Un tempo considerata insieme a Beirut, a Baghdad e alla Bosnia una delle quattro B da evitare, oggi è diventata una città piena di vita, di alberghi e locali alla moda. Belfast unisce infatti splendide esperienze all’aperto e fantastici musei a dimensioni contenute, che rendono facilissimo scoprire la città al meglio. Assolutamente da non perdere il Titanic Quarter: con la sua sagoma che si staglia come un’incredibile nave scintillante vicino alle acque del Belfast Lough, Titanic Belfast è la maggiore attrazione turistica al mondo dedicata al Titanic. Questo maestoso edificio sorge proprio nel luogo in cui il Titanic venne costruito e vanta nove gallerie che vi faranno scoprire ogni aspetto, dalla tradizione cantieristica di Belfast alla scoperta del relitto.

  2. Amorgos – Consacrata da Luc Besson con il film Le Gran Bleu, l’isola di Amorgos è cresciuta nell’ombra delle più famose Naxos e Santorini, ed è riuscita per questo a mantenere tutta l’autenticità delle Cicladi. Amorgos è un’isola aspra e selvaggia da vivere senza fretta, abbandonandosi al suo ritmo e all’unica strada che la attraversa da nord a sud. Rilassatevi sulle magnifiche spiagge di Agia Anna o Agios Pavlos prima di visitare il magnifico monastero di Chozoviotissa, il fiore all’occhiello dell’isola. Costruito nell’812, è famoso perché è letteralmente “appeso” sulla roccia viva e si trova in una zona impervia dell’isola proprio a strapiombo sul mare. Dedicate una visita anche a Chora, la “capitale” di Amorgos, con il castello che domina la cittadina e ai borghi rurali di Langada, Potamos e Tholaria nell’estremo nord dell’isola.

  3. Pechino (Beijing) – Giugno è un mese perfetto per visitare la capitale della Cina, le giornate sono calde e non ci sono particolari feste ufficiali, quindi Beijing risulta un po’ meno affollata del solito. Iniziate la visita dalla Città Proibita, il colossale complesso su Piazza Tienanmen che, con i suoi vasti ambienti e gli stupendi cancelli, rappresenta l’emblema della Cina e della magnificenza imperiale della dinastia Ming. Da non perdere anche il Palazzo d’Estate, il giardino imperiale più grande della Cina, e il Parco del Tempio del Cielo con l’incredibile Tempio della Preghiera. Per cogliere però l’essenza della capitale dovete perdervi almeno una volta nel labirinto di vicoli dei suoi quartieri più antichi; gli hutong rappresentano infatti l’anima genuina di Pechino e qui scoprirete la vera vita di strada. Approfittatene anche per visitare la muraglia cinese, o meglio la sezione di Mutianyu, quella meglio conservata, facilmente raggiungibile in giornata da Pechino e meno affollata della più famosa Badaling.

  4. Isole Lofoten – Le Isole Lofoten si trovano nel nord della Norvegia oltre il circolo polare artico ma, nonostante ciò, il clima è molto più mite rispetto ad altre parti del mondo (a parità di latitudine) grazie alla corrente del Golfo. Il periodo che va tra la fine di maggio e la prima metà luglio è un periodo perfetto per visitarle perché vi si può ammirare il sole di mezzanotte, ovvero quel fenomeno per cui il sole non tramonta mai, rimanendo sempre sopra la linea dell’orizzonte. Le isole Lofoten sono un paradiso per gli amanti della natura. Grazie al loro paesaggio variegato, si può fare trekking, sciare, pescare, provare il rafting nell’oceano o le immersioni subacquee. Le Lofoten sono anche uno dei migliori siti in Norvegia per il surf, e uno dei più settentrionali al mondo.

  5. Minorca – In questi anni in cui il Mediterraneo spagnolo è diventato sinonimo di turismo di massa, la seconda isola più grande delle Baleari riesce ad essere diversa, e ancor di più a giugno, quando l’alta stagione deve ancora iniziare. Risparmiata dagli effetti più deleteri dello sfruttamento edilizio, la maggior parte dell’isola è una Riserva della Biosfera dell’UNESCO con 216 chilometri di costa e di spiagge paradisiache. La costa sud è un susseguirsi ininterrotto di calette di sabbia bianca finissima con la vegetazione che orla le baie, mentre la costa nord è brulla e di roccia rossa, con paesaggi che assomigliano piuttosto a Marte o alla Luna. Molto bello anche l’entroterra con i suoi villaggi di calce bianca e i muri a secco, e il Monte Toro al centro dell’isola da cui si gode una vista magnifica a 360°.

  6. San Pietroburgo – San Pietroburgo è stupenda in ogni momento dell’anno, ma è durante il breve periodo dell’incontro con le notti bianche che la città si manifesta nel suo massimo splendore. Le cosiddette “Notti Bianche” in realtà caratterizzano tutte le località che si trovano ad un’elevata latitudine ma solo a San Pietroburgo hanno ricevuto l’onore di tante poetiche celebrazioni. Solo qui infatti si crea quella stupenda commistione di luce solare notturna e bellezze architettoniche che rende così magico e suggestivo questo periodo dell’anno, e che ha reso celebre San Pietroburgo nel mondo. Perdetevi tra le mille sale del Museo Hermitage ad ammirare le opere degli artisti più importanti del mondo, visitate la Chiesa del Sangue Versato con i suoi incredibili mosaici colorati, prima di concludere la giornata passeggiando lungo le rive dei canali ammirando i riflessi del sole che si specchiano sull’acqua.

  7. Isole Eolie – Le sette isole che compongono l’arcipelago delle Eolie (Lipari, Vulcano, Salina, Panarea, Stromboli, Filicudi e Alicudi) emergono come un paradiso dalle acque blu cobalto al largo della costa orientale della Sicilia e, non a caso, sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel 2000. Molto frequentate dai turisti sia italiani che stranieri a luglio e agosto, a giugno riuscirete a godervele fuori dalla folla e dal caro prezzi. Le Isole Eolie sono tutte di origine vulcanica e sono una diversa dall’altra. La più grande è Lipari mentre la più piccola è Panarea, molto amata dal jet set internazionale. C’è poi la bellissima Salina, dove sono state girate alcune scene de Il postino di Massimo Troisi, Vulcano famosa per le terme, i fanghi e l’acqua sulfurea, e Stromboli, con il suo vulcano sempre attivo. Infine Filicudi e Alicudi molto vicine a Palermo, le isole più riservate e amate da chi vuole stare a contatto con la natura selvaggia e godersi il relax. Non vi resta che scegliere!

  8. Toscana – Tra le mete che vi consigliamo di visitare a giugno non potevamo non inserire la nostra Toscana, forse la regione più amata d’Italia dai turisti di tutto il mondo. A giugno le giornate sono piacevoli e lunghe, ma il caldo non è ancora asfissiante come a luglio e agosto. Secondo l’UNESCO, Firenze contiene la più alta concentrazione di opere d’arte universalmente riconosciute del mondo, dal Duomo di Brunelleschi agli affreschi della Cappella Brancacci di Masaccio. Al di là dei musei e dei capolavori del Rinascimento italiano però, fra le colline della Toscana si celano tante altre piccole perle: lo splendore gotico di Siena, il profilo di San Gimignano, le vigne del Chianti, le mura perfette di Lucca, la Piazza dei Miracoli e molto altro ancora. Quale migliore occasione per riscoprire l’incredibile patrimonio architettonico e paesaggistico del nostro Belpaese?

  9. Seychelles – Benvenuti in Paradiso! Conosciute per la natura unica, le spiagge da sogno e le caratteristiche rocce, le Seychelles risplendono come diamanti incastonati tra le acque dell’Oceano Indiano. A giugno vi soffiano gli alisei, il clima è fresco e asciutto, ed è il mese perfetto per esplorarle. La cornice paradisiaca di queste isole (che sono ben 115) ne fa la meta prediletta per i giovani sposi, ma a chi cerca qualcosa di più della tintarella o del romanticismo, l’arcipelago offre attività impegnative come il trekking nella giungla o lungo la costa, escursioni in barca, immersioni e snorkeling. Tra l’altro, al di là di quello che si possa pensare, le Seychelles si possono visitare anche senza budget impressionanti: oltre alle note strutture extralusso, l’arcipelago offre molte strutture indipendenti e guesthouse a gestione familiare. Il paradiso non può attendere!

  10. Paesi Baschi – Chiamato in basco Euskadi o Euskal Herria (“la terra di coloro che parlano il basco”), questo angolo della penisola iberica si trova nel nord della Spagna, dove sublimi insenature sono battute dalle potenti onde dell’Oceano Atlantico. I Paesi Baschi sono notoriamente molto piovosi, tranne a maggio e giugno, che risultano essere i mesi perfetti per visitarli. Esplorate la città cosmopolita di Bilbao, con il famosissimo Museo Gugghenheim, il Casco Viejo (la città vecchia), il ponte di Zubizuri di Calatrava e il Mercato de la Ribera, ma anche Vitoria e soprattutto San Sebastian. In quest’ultima, gli chef locali hanno trasformato le tapas in una forma d’arte; spesso definiti “alta cucina in miniatura”, i pintxos sono un concentrato di sapori sopra fettine di baguette. Entrate in un qualsiasi bar della città e rimarrete senza parole.

Info: skyscanner.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti