Mobilità sostenibile, Roma all’ultimo posto in Europa

Print Friendly, PDF & Email

Secondo un rapporto di Greenpeace, Roma è all’ultimo posto in Europa per la mobilità sostenibile tra le 13 capitali analizzate secondo 21 indicatori.


Ad essere valutati per la composizione della classifica sulla mobilità sostenibile: il grado di efficienza del trasporto pubblico, la mobilità attiva (pedonale e ciclistica), il livello di sicurezza stradale, la qualità dell’aria e le politiche di incentivo alla mobilità sostenibile.

In base ai risultati, Copenaghen si piazza al primo posto davanti ad Amsterdam e Oslo. Seguono Zurigo, Vienna, Madrid, Parigi, Bruxelles, Budapest, Berlino, Londra, Mosca e appunto Roma.

L’indagine, commissionata da Greenpeace al Wuppertal Institute, mostra che la Città Eterna è ultima sia nella valutazione complessiva, sia per la sicurezza stradale e la gestione della mobilità.

Guardando ai trasporti, solo il 6% dei romani si muove a piedi; fa peggio soltanto Mosca (3%), mentre brillano città come Parigi (41%), Amsterdam e Berlino (31%). Complice anche la carenza di piste ciclabili, appena l’1% delle persone si sposta in bici a Roma, il dato più basso registrato. Sul fronte opposto si trovano il 32% di Amsterdam e il 29% di Copenaghen.

A prendere i mezzi pubblici, sempre secondo l’indagine, è il 29% dei romani, mentre il 65% usa l’auto o la moto private. La cifra è elevatissima rispetto a tutte le altre città: dopo Roma, a fare peggio è Mosca, dove comunque a spostarsi in macchina o scooter è “solo” il 45%. Le più virtuose sono Parigi (16%) e Amsterdam (20%).

Per la qualità dell’aria, infine, Roma fa meglio di Parigi e Mosca: è terzultima a pari merito con Londra, Berlino e Budapest.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

Mobilità sostenibile: la nota di Confturismo-Commercio sull'accordo Enel-MiBACT
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti