Osservatorio Confturismo-Piepoli, indice di fiducia del viaggiatore italiano mai così alto ad aprile

Print Friendly, PDF & Email

In crescita l’indice di fiducia del viaggiatore italiano ad aprile rispetto ai mesi precedenti: cresce di due punti e raggiunge quota 66, il valore più elevato mai registrato nel mese di aprile. Lo rivela l’Osservatorio Confturismo-Piepoli relativo al mese di aprile 2018.


Questa forte ripresa dell’indice di fiduciapermette di essere ottimisti circa la prossima stagione estiva, confermando al tempo stesso l’importanza del settore turistico per tutta l’economia italiana” – spiega l’Osservatorio.

Le città d’arte e le destinazioni di mare sono state le mete preferite per questo ponte, con una forte preferenza degli italiani nel visitare musei, monumenti e mostre. Grande importanza anche per lo shopping tourism che è una delle motivazioni di scelta per quasi un terzo degli italiani.

Le città italiane, forte del patrimonio turistico più ricco al mondo, sono scelte da quasi quattro italiani su cinque, confermando l’ottimo andamento di destinazioni quali Toscana, Veneto, Campania, Sicilia, Lazio, Lombardia, ma anche di Umbria e Puglia.

Per quanto riguarda gli spostamenti nelle città d’arte, un italiano su due preferisce l’utilizzo di mezzi pubblici, mentre cresce la voglia dell’utilizzo di biciclette elettriche.

Nel prossimo trimestre, il mare è in cima alle preferenze di viaggio, crescendo di dodici punti percentuali rispetto al mese precedente. La crescita è dovuta alla stagionalità.

Le destinazioni estere preferite rimangono Spagna, Francia, Grecia e Regno Unito in Europa e gli Stati Uniti e i Caraibi per le mete extra europee.

La propensione a viaggiare degli italiani è in crescita, mentre ricomincia ad aumentare la durata dei viaggi prevista per il prossimo trimestre grazie all’avvicinarsi della stagione estiva.

Fonte: Confturismo-Confcommercio e Istituto Piepoli

Potrebbe interessarti:

CONFTURISMO-PIEPOLI, L’INDICE DI FIDUCIA DEL VIAGGIATORE ITALIANO RIMANE STABILE

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti