Strage a Gaza, 60 le persone uccise

Print Friendly, PDF & Email

Violenti scontri fra manifestanti ed esercito israeliano a Gaza e in Cisgiordania ieri nel giorno in cui si è inaugurata l’ambasciata americana a Gerusalemme e si sono celebrati i 70 anni della nascita dello stato d’Israele. 


Con la morte oggi di uno dei manifestanti palestinesi feriti ieri è salito a 60 il bilancio complessivo degli uccisi nel corso degli scontri con l’esercito israeliano sul confine tra Gaza e lo Stato ebraico.

Lo riferisce la Wafa. In questo numero è compresa anche la bebè di otto mesi morta, secondo il ministero della sanità della Striscia, per l’inalazione dei gas lacrimogeni sparati dall’esercito e che si trovava sotto una tenda con i genitori, allestita dagli organizzatori della manifestazione, non distante dai reticolati della barriera difensiva.

I palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme est osservano uno sciopero generale in seguito alla uccisione da parte dell’esercito israeliano dei dimostranti palestinesi ieri al confine di Gaza.

La protesta (che include tre giornate di lutto) è diretta anche contro il trasferimento a Gerusalemme dell’ambasciata Usa. Chiusi negozi e scuole.

In giornata avranno luogo manifestazioni commemorative della Nakba: la ‘catastrofe’ della costituzione di Israele, avvenuta 70 anni fa.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Viaggi a Cipro, nuova tratta diretta Roma-Larnaca
È pace tra le due Coree. Cosa accadrà in termini di turismo?
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti