Una testa gigante di Trump sui ghiacci dell’Artico

Print Friendly, PDF & Email

Una gigantesca testa di Donald Trump, come quelle dei presidenti sul Monte Rushmore, ma scolpita nel ghiaccio dell’Artico invece che nel granito.


Un modo per attirare l’attenzione di tutto il mondo sul riscaldamento globale, che Trump ha definito “un imbroglio”, ritirando il suo paese dall’Accordo di Parigi.

E’ il “ProjectTrumpmore”, progetto lanciato dalla ong finlandese Melting Ice. Sul sito projecttrumpmore.com si legge che la testa sarebbe alta 35 metri, larga 20 e profonda 20, più grande di quelle del Monte Rushmore negli Stati Uniti.

A scolpirla, su un iceberg o un ghiacciaio artico da individuare, sarebbe una squadra di scultori di ghiaccio finlandesi e mongolici. La realizzazione impiegherebbe 4 settimane, e si potrebbe seguirla in diretta su internet.

Il problema è il costo: 400.000 euro. Per questo Melting Ice ha avviato sul sito una raccolta di fondi. Viene anche presentata una computer grafica su come apparirebbe la scultura.

Trump sarebbe raffigurato con l’aria seria, come i suoi predecessori del Monte Rushmore, e con l’inconfondibile ciuffo.

La differenza sarebbe che la scultura si scioglierebbe nel giro di qualche mese. Per i suoi realizzatori, sarebbe un monito eloquente sugli effetti del cambiamento climatico.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare: 

Antartide, lo scioglimento subacqueo dei ghiacciai avanza più del previsto Antartide, lo scioglimento subacqueo dei ghiacciai avanza più del previsto
Pericolo orsi polari: non riescono a nutrirsi a sufficienza
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti