Veneto: da oggi è possibile dormire nelle botti

Print Friendly, PDF & Email

Venezia. In Veneto è possibile prenotare una vacanza in camere realizzate dalle aziende vinicole in delle botti, arricchendo l’offerta delle Strade del Vino. Oggi sono stati definiti i requisiti di classificazione delle “botti” intese come nuova tipologia di struttura ricettiva in ambiente naturale.


Questo è l’ennesimo esempio, a cui nei prossimi mesi se ne aggiungeranno altri, di concretizzazione del nostro programma e della nostra volontà di puntare sul cosiddetto turismo esperienziale ed emozionale, confermando che il Veneto è la prima regione turistica d’Italia non solo dal punto di vista dei numeri, ma anche in termini di capacità innovativa e creatività”.

La possibilità di pernottare in accoglienti camere realizzate nelle grandi botti in legno delle aziende agricole non potrà che arricchire ulteriormente l’offerta delle Strade del Vino, come quelle delle colline del Prosecco, candidate a diventare patrimonio Unesco, della Valpolicella o dell’area del Soave, solo per citare alcune delle aree vitivinicole venete più rappresentative e conosciute anche a livello internazionale, che stanno registrando un crescente interesse turistico e un tutt’altro che trascurabile incremento di arrivi e presenze. “I nostri ospiti – sottolinea l’assessore – potranno così vivere un’esperienza unica ed emozionante. Questa sì definibile a pieno titolo una full immersion”.

Le “botti” sono classificate in una sola categoria, esclusivamente sulla base dei servizi minimi offerti ai turisti, lasciando quindi alla libera iniziativa dei titolari l’individuazione delle dotazioni e attrezzature più adeguate al particolare tipo di struttura ricettiva. La loro apertura è consentita solo in immobili o parti di essi aventi destinazione d’uso turistico ricettiva, secondo quanto stabilito dal Comune territorialmente competente. La struttura ricettiva può essere costituita da una o più unità abitative, con una capacità ricettiva massima di otto posti letto; l’unità abitativa è costituita almeno da un locale adibito a stanza da letto e da un bagno privato.

Il provvedimento, infine, per dare completa e unitaria disciplina a questa tipologia ricettiva, contiene disposizioni in materia di prescrizioni edilizie, urbanistiche,  paesaggistiche, igienico-sanitarie e di sicurezza.

Fonte: Regione Veneto

Potrebbe interessarti:

Scoprire il Veneto con “treno+bus+bici”

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti