Giulio Cesare ha un nuovo look

Print Friendly, PDF & Email

Il Museo Nazionale delle Antichità di Leida ricostruisce in versione 3D lo sguardo di Giulio Cesare che mostra deformità dovute probabilmente a un parto difficile.


Altro che sguardo fiero e acuto, pronto a spronare i legionari sul campo di battaglia: Giulio Cesare aveva in realtà un’espressione placida, con occhi piccoli e ravvicinati e una calvizie incipiente che rendeva ancora più spazioso il suo ‘capoccione’, deformato probabilmente fin dalla nascita a causa di un parto difficile.

A ritrarlo così è la ricostruzione in 3D svelata al Museo Nazionale delle Antichità di Leida, nei Paesi Bassi, in occasione dell’uscita di un libro sul generale romano scritto dell’archeologo Tom Buijtendorp, promotore dello studio.

Il nuovo look di Giulio Cesare è stato elaborato da Maja d’Hollosy, archeologa e antropologa fisica specializzata nella ricostruzione di volti, partendo dalla scansione 3D di un busto in marmo conservato nel museo olandese e considerato il più antico ritratto del generale romano.

La scultura è piuttosto danneggiata e per questo le parti mancanti (come il naso e il mento) sono state ricostruite sulla base del cosiddetto busto di Tusculum, trovato nel sito dell’antica città di Tusculum, a sud di Roma, e oggi conservato nella collezione del Museo Archeologico di Torino.

L’identikit è stato quindi rifinito grazie all’effige di Giulio Cesare impressa su una moneta antica.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Al Parco Archeologico dei Campi Flegrei la mostra “Statuae Vivae”
I segreti di Roma: il caso dell’Obelisco Sallustiano
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti