In Guatemala come a Pompei, si teme un’ecatombe

Print Friendly, PDF & Email

E’ salito a 75 il numero dei morti accertati dopo l’eruzione del Volcan de fuego in Guatemala, ma il bilancio è destinato ad aggravarsi drammaticamente: secondo l’agenzia nazionale per i disastri, i dispersi sono almeno 192.


L’istituto di medicina legale ha inoltre riferito che delle 75 vittime al momento solo 23 sono state identificate. Alcuni dei dispersi potrebbero dunque essere tra i corpi già recuperati.

Come Pompei

E’ stata una catastrofe simile a quella di Pompei: il Volcan de Fuego, attivo nel sudovest del Guatemala, è esploso nella sua eruzione più violenta in oltre 40 anni, seppellendo sotto ceneri e lava interi paesi nei suoi dintorni e causando la morte di almeno 69 persone.

Solo 17 cadaveri sono stati identificati, a causa delle ceneri incandescenti e della lava che hanno sfigurato le vittime. Si procederà all’identificazione tramite dna, fanno sapere dall’Istituto forense nazionale guatemalteco.

L’eruzione nel dettaglio

Tutto è iniziato alle 11 del mattino di domenica (le 19 in Italia), quando il livello di attività del vulcano è aumentato in modo drammatico, con una colonna di ceneri che ha raggiunto i 10 mila metri.

Un’ora dopo è iniziata l’eruzione vera e propria, e due ore dopo il flusso piroclastico ha superato gli argini della cosiddetta Barranca Grande, che incanalava la colata lavica, spargendo morte e distruzione dei dintorni della montagna.

Con temperature fra i 900 e 1200 gradi, la colata ha letteralmente sepolto alcuni piccoli paesi annidati sui fianchi del Volcan de Fuego, mentre le ceneri prodotte dall’eruzione hanno raggiunto un perimetro di 20 chilometri intorno al vulcano, obbligando le autorità a chiudere l’aeroporto di Città del Guatemala.

Alle 7.30 del mattino di lunedì (le 15.30 in Italia) il Coordinamento Nazionale per la Riduzione dei Disastri (Conared) ha dichiarato che l’eruzione del vulcano – la più violenta dal 1974 – si era conclusa, segnalando però che si mantiene un monitoraggio costante della situazione, che registra “da 5 a 7 esplosioni deboli, moderate ma anche forti” ogni ora.

Secondo il bilancio ufficiale diffuso dal Conared, i morti accertati finora sono 33, ai quali bisogna aggiungere 46 feriti, 3.265 evacuati e 1.689 persone accolte nei rifugi, ma i media locali temono il peggio.

Fonti dei pompieri citate dal quotidiano Prensa Libre, per esempio, indicano che nella piccola località di San Miguel de los Lotos, sepolta dalle ceneri e dalla lava, sarebbero stati ritrovati altri 29 corpi, fra i quali quelli di vari bambini.

Lo stato di calamità naturale

Il presidente guatemalteco Jimmy Morales ha decretato lo stato di calamità naturale per i tre dipartimenti che circondando il Volcan de Fuego e tre giorni di lutto nazionale per le vittime dell’eruzione.

Anche la Farnesina invita i connazionali a non recarsi, se possibile, nelle zone dei tre dipartimenti colpiti: Escuintla, Chimaltenango  e Sacatepéquez.

Altra raccomandazione è quella di tenersi aggiornati sui media nazionali e seguire attentamente le disposizioni della locale Protezione Civile CONRED (https://www.conred.gob.gt/www/index.php )
In caso di emergenza Ambasciata d’Italia in Guatemala contattabile a: 0050252059079.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Viaggiare sicuri: quali sono le destinazioni meno sicure del 2018
Chi sono i nuovi Ministri al Turismo e Cultura del Governo Conte
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti