Israele sempre più meta preferita dal turismo italiano

Print Friendly, PDF & Email

Nei primi cinque mesi del 2018 il turismo italiano in Israele è cresciuto del 41% rispetto allo stesso periodo del 2017.


Un risultato raggiunto anche grazie al miglioramento dei collegamenti tra i due Paesi, arrivato a 80 voli settimanali dal Nord e Centro Italia nella stagione estiva, che ha portato gli arrivi oltre quota 54.500.

Quello degli italiani è ancora in parte un turismo religioso (30%), ma sempre di più si afferma quello generalista e non di gruppo, attratto dalla natura, dai beni culturali, ma anche dalla creatività del Paese.

Tanto che cominciano perfino a essere organizzati dei “fashion tour”, alla scoperta dei laboratori e dei negozi della moda israeliana, caratterizzata da capi molto leggeri, uso di tessuti naturali e innovativi, colori chiari.

A coordinare questo settore emergente è l’Israel Designers Guild, associazione di stilisti fondata nel 2015 da Einat Rotfus, che unisce le migliori firme del Paese. Un’organizzazione che fornisce servizi di marketing e comunicazione, attività di supporto alla produzione e alla vendita delle collezioni sia online, sia in negozio. “Abbiamo bisogno della vostra collaborazione, possiamo fare cose meravigliose insieme” ha detto durante la sua visita a Milano.

 “Le nostre modelle non indossano tacchi, sono sempre molto naturali e vicine alla donna comune. C’è infatti una connessione molto forte tra designer e clienti” ha aggiunto. L’associazione, tra l’altro, è riuscita anche a aiutare persone della strada, come alcune prostitute, dando loro un lavoro e mettendo a frutto la loro creatività”.

 

Fonte: Askanews

Potrebbe interessare:

Israele, slow tour tra le mura dell’antica Cesarea
I 10 posti da visitare almeno una volta nella vita prima della fine del mondo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti