Mondiali di calcio 2018: le espressioni inglesi che dovete sapere!

Print Friendly, PDF & Email

Quello che stiamo vedendo questi giorni in tv non è un Mondiale come gli altri, la Nazionale non gioca e noi, tifosi italiani, assistiamo alle partite con un pizzico di noia, visto anche il calcio giocato dalle grandi nazionali, Spagna e Argentina in primis con l’eccezione del Portogallo.


Tuttavia questo mondiale sta riservando delle belle soprese, con il primeggiare sulla scena di nazionali come la Croazia e il Portogallo, sulla carta ritenute inferiori.

Per assistere alle partite in modo originale, Aba English propone una guida divertente, con le espressioni indispensabili in lingua inglese, per seguire le partite del campionato del mondo che si sta svolgendo in Russia.

Ecco 7 espressioni curiose usate nel mondo del pallone.

Keep calm and clean sheet

Questa frase è spesso usata nel gergo calcistico per chiedere al portiere di mantenere la sua porta intatta e, quindi, non subire alcun goal: la vera chiave per vincere una partita.

On the bench/Starting line up

Si tratta rispettivamente del timore e del desiderio di qualsiasi calciatore. Le partite di calcio di solito iniziano rivelando la formazione, ovvero la presentazione dei giocatori che iniziano la partita dalla panchina (On the bench) o in campo nell’undici iniziale (starting line up).

The goalkeeper made a howler

Sicuramente una delle peggiori espressioni che un portiere possa sentirsi dire, infatti, è comunemente usata dai tifosi per indicare una papera commessa dal portiere.

What a screamer!

Si usa solo per descrivere le azioni di giocatori del calibro di Lionel Messi o Cristiano Ronaldo. Davanti alle loro azioni i fan sono abituati ad alzarsi in piedi ed esclamare: what a screamer, un’espressione a metà tra che colpo da maestro e che spettacolo.

He (she) ran the defence ragged!

“Wow! This player ran the defence ragged”. Se senti questa espressione, hai probabilmente appena assistito a una grande azione d’attacco visto che letteralmente la frase significa che l’attaccante ha “lacerato la difesa”, ovvero ha giocato talmente bene da far apparire incompetenti i difensori della squadra avversaria.

He’s (she’s) got a sweet left foot

Letteralmente l’espressione significa che il giocatore in questione ha un dolce piede sinistro, ovvero che il giocatore ha l’invidiabile capacità di calciare la palla con il piede sinistro con eccellenti risultati.

Lifting the silverware

Questo è il grande obiettivo di qualsiasi squadra di calcio. La traduzione letterale è “alzare l’argento” ma nel mondo calcistico è un’espressione comunemente usata per indicare quando una squadra vince un trofeo, senza che sia necessariamente d’argento.

That was a sitter!

Questo è quello che ogni tifoso di calcio grida quando un giocatore della sua squadra perde l’opportunità di segnare un goal che avrebbe potuto fare perfino un bambino.

It’s time to park the bus

Per quelli che non sono appassionati di calcio, questa espressione è incomprensibile visto che letteralmente significa “è ora di parcheggiare l’autobus”, ma tra i tifosi del calcio è molto popolare e si usa quando si cerca di ottenere la vittoria con un approccio difensivo per non subire goal, motivo per cui si usa la metafora di un autobus parcheggiato di fronte alla porta.

Ref! We were robbed!

Il “referee” (arbitro), che di solito è chiamato “ref”, è una figura senza la quale, senza dubbio, il gioco non potrebbe esistere. Tuttavia, i tifosi possono rimanere delusi dalle decisioni arbitrali e questa è l’espressione che usano per esprimere questo sentimento: “we were robbed!”, letteralmente “siamo stati derubati”.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

mondiali, tifosi presenti a russia 2018 Mondiali 2018, quali sono le nazioni con più tifosi giunti in Russia
Mondiali 2026: si giocherà in Usa, Canada e Messico
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti