Osservatorio Confturismo Piepoli: cresce ancora l’indice di fiducia a giugno

Print Friendly, PDF & Email
indice di fiducia viaggiatore italiano - giugno 2018

Cresce ancora l’indice di fiducia del viaggiatore italiano: ad inizio giugno il valore è pari a 67,7 punti in più rispetto a febbraio e torna ad essere nella fascia di giudizio “buono” dopo 10 mesi. È quanto emerge dall’ultima analisi dell’Osservatorio Confturismo Piepoli.


L’arrivo dell’estate ha sicuramente un impatto positivo sullo stesso indice di fiducia e il prossimo trimestre sarà caratterizzato dai viaggi degli italiani verso le località di mare. Per il prossimo trimestre gli elementi che caratterizzeranno i viaggi degli italiani saranno sole, mare e vita da spiaggia, con forte attenzione sempre anche all’offerta enogastronomica delle aree di destinazione.

È possibile inoltre evidenziare un altro trend tipico dell’estate: l’allungamento della durata media delle vacanze che supereranno per il prossimo trimestre le 5 notti per viaggio, con due terzi degli italiani che trascorreranno “fuori casa” più di 3 notti.

L’Italia è di gran lunga la meta favorita e Puglia, Sicilia, Emilia Romagna, Calabria, Toscana e Sardegna sono le destinazioni preferite per l’estate. A livello europeo, Spagna, Grecia e Croazia saranno in testa alle preferenze per i viaggiatori italiani durante il periodo estivo. Nel complesso, l’85% degli italiani sceglierà il bel paese per trascorrere le proprie vacanze, una percentuale estremamente elevata anche rispetto alle recenti stagioni estive.

Le motivazioni di scelta delle vacanze sono la convenienza, espressa come rapporto qualità/prezzo, la presenza di bellezze naturali e paesaggistiche e il clima e la qualità dell’ambiente e l’Italia è sicuramente leader per tutti questi elementi.

Quasi la metà dei viaggiatori sceglierà l’automobile per raggiungere la propria destinazione, contro il 18% che utilizzerà l’aereo e l’8% il treno.

Fonte: Osservatorio Confturismo Piepoli

Potrebbe interessarti:

Barometro del Turismo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti