Regione Lazio, pronto il nuovo Testo unico sul commercio nelle aree pubbliche

Print Friendly, PDF & Email
Testo unico commercio

L’assessorato allo Sviluppo economico della Regione Lazio ha pronta la proposta di delibera per il nuovo Testo unico sul commercio che coinvolgerà tutti i comuni del Lazio. Si va dallo stop a nuove bancarelle alla delocalizzazione degli ambulanti e alla salvaguardia delle botteghe storiche e molto altro ancora.


Il nuovo Testo unico sul commercio è composto da 85 articoli che dovranno tenere in considerazione le amministrazioni comunali in materia di commercio su aree pubbliche ma anche per la somministrazione di alimenti e bevande.

Le nuove norme sono destinate a cambiare l’aspetto del commercio ambulante della Capitale. Sarà riposta attenzione alle postazioni ambulanti e, laddove sia necessario, alla loro ricollocazione. Viene regolamentata anche la figura del “venditore occasionale” nei mercatini, che dovranno essere riconoscibili attraverso un tesserino personale e non cedibile, e ciascuno di loro potrà partecipare ai mercatini per un massimo di 8 volte all’anno.

Sarà compito di Roma Capitale preservare i luoghi di pregio limitando il commercio ambulante e ricollocandolo in altri posti senza garantire necessariamente la stessa “vetrina” per il ritorno economico. Prevista poi la possibilità per i Comuni di destinare parte dei proventi derivanti dal pagamento delle sanzioni all’aumento del personale deputato alle attività di vigilanza.

Atteso ora l’iter di discussione in commissione e la seguente approvazione in consiglio regionale.

Informazione tratta da Il Messaggero del 20 giugno 2018

Potrebbe interessarti:

Bancarelle, nuova delibera del Campidoglio: via i riferimenti alla Bolkestein

BANCARELLE, NUOVA DELIBERA DEL CAMPIDOGLIO: VIA I RIFERIMENTI ALLA BOLKESTEIN

ROMA, LA GIOSTRA DELLE BANCARELLE DEL CENTRO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti