Napoli: Assessorato ai Beni culturali e dell’Identità Siciliana, MANN e PaFleg insieme per piano di valorizzazione

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Firmato ieri a Napoli un protocollo tra l’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Parco Archeologico dei Campi Flegrei e Teichos per l’ideazione di un programma comune di attività triennali che mirano  a valorizzare il patrimonio culturale.


Primo appuntamento del progetto è la mostra “Thalassa. Mare, mito, storia ed archeologia”, in programma al MANN da settembre 2019.

È un onore, per il MANN e per il Parco Archeologico dei Campi Flegrei, avviare una sinergia virtuosa con la Regione Sicilia ed, in particolare, con il prof. Sebastiano Tusa, noto esperto di archeologia subacquea. Si profila, all’orizzonte, un vero e proprio cambio di rotta delle istituzioni, che coniugano i termini di tutela e valorizzazione, anche al di là delle mura museali”, ha affermato il
Direttore del MANN e del PaFleg, Paolo Giulierini.

Il progetto di valorizzazione, legato alla mostra “Thalassa”,si compone di diverse tappe:

  • a settembre 2018, in programma la mostra “Il ritorno di Zeus” al Castello di Baia;
  • da ottobre, sempre al Castello di Baia, una
    rassegna cinematografica dedicata al tema del mare, con preview al Museo Archeologico Nazionale;
  • convegni e laboratori didattici,
    propedeutici alla grande esposizione “Thalassa”, in calendario
    dall’autunno 2019.

La mostra, che vede la collaborazione scientifica con i Musei Archeologici di Taranto e Reggio Calabria, è articolata in sei sezioni, che raccontano il mare seguendo diversi tagli interpretativi, dal senso del sacro alla vita di bordo, dagli aspetti tecnici di organizzazione della navigazione alle storie dei marinai e dei condottieri; previsto, ancora, un settimo segmento espositivo, inerente agli oggetti ritrovati durante le grandi scoperte.

Thalassa è un progetto composito, che combina il tradizionale approccio archeologico con una lettura 4.0: installazioni multimediali e ricorso alla realtà aumentata per sottolineare le suggestioni del percorso di visita.

Al di là dell’esposizione al MANN, in programma anche
organizzati dei convegni sul mito delle Sirene e della fondazione di Napoli, sul sacro negli ambienti mediterranei, sul sistema delle rotte della Magna Grecia con un focus sulla fase della colonizzazione euboica. 

Fonte: Ufficio Stampa Parco archeologico dei Campi Flegrei

Potrebbe interessarti:

A Gubbio una mostra per rivivere la città al tempo di Giotto
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti