Roma omaggia l’arte cinese: al Vittoriano la mostra “Risonanza Cinese”

Print Friendly, PDF & Email

Dal 19 luglio al Complesso del Vittoriano – Ala Brasini va in scena Risonanza Cinese, la più importante e ricca mostra di pittura a olio cinese mai allestita a Roma.


Il Vittoriano ospita un evento che porta per la prima volta nella Capitale i più rappresentativi maestri cinesi del ‘900, sulla base del rapporto consolidato tra Arthemisia e l’Ufficio Culturale dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia e dopo il grande successo ottenuto nel 2017 dalle rassegne dedicate all’arte contemporanea cinese come la collettiva “Arte e Pace.

L’arte contemporanea cinese” e le monografiche “Epos. La lirica della luce” di Chao Ge, “The timeless dance. Beyond the mountains” di Mao Jianhua e “The eternal melody of chubby lady” di Xu Hong Fei.

L’esposizione offre una panoramica completa sulla pittura a olio contemporanea cinese e sulla sua progressiva evoluzione, favorita anche grazie alla decisa azione riformatrice e strutturale che ha visto la Cina protagonista negli ultimi 30 anni.

Risonanza cinese – come suggerisce la curatrice Nicolina Bianchi – allude a una sorta di riverbero globale dell’universo Cina e si configura come un originale cross road a rappresentare l’inedita saldatura con la tradizione del Rinascimento italiano e del Romanticismo pittorico dell’800 europeo”.

Obiettivo dell’evento romano è di esaltare lo stretto legame tra Oriente e Occidente e di evidenziare la particolare influenza che le correnti pittoriche europee hanno proiettato sul mondo dell’arte cinese. Legami e sinergie stimolate dai numerosi viaggi in Occidente e delle ricorrenti frequentazioni delle Accademie d’Arte che gli artisti cinesi intraprendono già agli inizi del XX secolo.

Esperienze culturali e sociali che inducono questi interpreti alla ricerca di forme espressive nuove senza rinunciare a un linguaggio creativo e stilistico contemporaneo della pittura a olio che consente di rappresentare la loro personale visione della Vita, della Cultura e dello Spirito tradizionale reinterpretandolo e rendendolo sempre più moderno e attuale.

Il percorso espositivo, contraddistinto da una sequenza interrotta da capolavori assoluti, oltre che specchio di una civiltà in continuo fermento, simboleggia il tracciato vivido di profondi cambiamenti sociali e culturali che hanno segnato la storia di una Nazione.

Opere frutto di un’inquietudine creativa sovranazionale, incentrate sull’incontro tra la cultura orientale e quella occidentale perché “la pittura a olio un secolo fa – spiega bene lo storico dell’arte e curatore della mostra Claudio Strinati – voleva dire Occidente, e proprio per questo dobbiamo considerare l’assimilazione della tecnica a olio da parte degli artisti cinesi come un evento storico epocale”.

Informazioni:

Risonanza Cinese 

Roma- Complesso del Vittoriano – Ala Brasini

19 luglio – 9 settembre 2018

Orario apertura

Tutti i giorni 9.30 – 19.30

(la biglietteria chiude un’ora prima)

Biglietti

Intero € 5,00

Sito: www.ilvittoriano.com

Potrebbe interessarti:

A settembre alla Fondazione Magnani-Rocca una grande mostra su Roy Lichtenstein
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti