Roma e il sogno della funivia Casalotti-Battistini

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Procede o si arresta il progetto per la realizzazione della funivia Casalotti-Battistini?


A che punto è la realizzazione di uno dei cavalli di battaglia della giunta di Virginia Raggi a Roma, ovvero, la famosa (o famigerata) funivia da realizzare nella città eterna?

Il progetto della funivia di Roma ovest, che collegherà la zona di Casalotti con il capolinea della Linea A Battistini, dovrebbe essere realizzato entro la fine del mandato, nel 2021. 

L’idea quando fu avanzata fece sognare e fece anche ironizzare molti sui social media.  Dai primi sondaggi il progetto sembrava essere apprezzato dai residenti della zona, meno  dalle opposizioni, che invitavano il sindaco a occuparsi dei veri problemi di Roma e non di fantasiose idee per sgonfiare il traffico.

Ma ora a che punto è la situazione? Ne ha parlato proprio ieri l’assessore M5s alla Città in Movimento di Roma, Linda Meleo.

Questa la sua dichiarazione: “L’iter per la realizzazione della funivia Casalotti-Battistini va avanti. Nell’ultimo assestamento di Bilancio sono stati eliminati 300mila euro per la progettazione, solo perché le risorse sono già presenti nella parte corrente di bilancio, come corrispettivo per la nuova convenzione con Roma Metropolitane.

Fondi previsti e accantonati, quindi, nessuna perdita. Questo non vuol dire che il processo subirà una brusca frenata, né tantomeno che la funivia non sarà realizzata. Continua il nostro lavoro per portare avanti opere utili a Roma”.

In soldoni, c’è qualche intoppo. Mai il sogno non è tramontato, almeno per il Campidoglio.

La funivia nel dettaglio

La funivia, così come era stata presentata dal sindaco Raggi, ha l’obiettivo di alleggerire in modo massiccio il traffico nella zona nord-ovest di Roma.

Questi i numeri: potrà trasportare 3.500 passeggeri ogni ora, in entrambi i sensi di marcia. Per un totale di 43.000 persone al giorno.

La funivia sarà lunga almeno tre chilometri e mezzo, e i passeggeri impiegheranno 19 minuti. Al momento ci sono due diversi progetti, che prevedono entrambi quattro fermate:

  • Il primo è lungo 4.100 metri fa capolinea a piazza Ormea e a Battistini, in coincidenza con la stazione della linea A. Lungo il percorso, altre due fermate: una a ridosso del Gra, dove verrà realizzato un parcheggio di scambio, e una nella parte sud di Torrevecchia dove dovrebbe sorgere il prolungamento della linea A. Tempo di percorrenza 19 minuti circa.
  • Il secondo progetto è lungo 3.500 metri e varia soltanto nel capolinea che non sarebbe a piazza Ormea bensì a Casalotti. Tempo di percorrenza 17 minuti circa.

Secondo quanto illustrato dall’Agenzia per la Mobilità, la funivia non passerà sopra le case bensì sorvolerà le strade. Ogni cabina potrà portare un massimo di 10 persone alla volta e viaggerà a una velocità di 21,6 chilometri l’ora.

Le stime dei costi

La funivia voluta dalla Raggi ha un costo stimato di 90 milioni di euro, una cifra enorme, che subito i membri della giunta hanno giustificato con i costi di mantenimento che invece saranno più bassi di quelli di una linea bus.

Secondo l’assessore Meleo, sembra infatti che il costo di ammortamento, esercizio e manutenzione sarà di 300 euro per ogni 1000 passeggeri, molto meno rispetto ai 1.440 euro per la metropolitana, ai 560 per gli autobus e ai 530 per il tram.

 

Fonte: Askanews

Potrebbe interessare:

Roma, Ponte Milvio: luogo di culto per i cristiani?
Roma: si torna a parlare di Metro D
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti