Un tour in Vespa sui colli bolognesi? È possibile grazie a Bologna Welcome

Print Friendly, PDF & Email

Roma. “Vespa Tour con picnic sui colli”: un’esperienza di poche ore che diventa un viaggio nel mito. La proposta di Bologna Welcome per l’estate ha  il sapore di spensieratezza e libertà, invitando a scoprire i colli intorno al capoluogo a bordo di uno dei miti delle due ruote made in Italy: la Vespa.


Come nei film iconici dei magnifici anni ’60, rivivete l’emozione di sfrecciare con il vento tra i capelli lungo un affascinante percorso che parte dal centro storico di Bologna e tocca diverse tappe lungo la campagna dei colli bolognesi. Cinque ore da godersi e condividere in compagnia a bordo di una Vespa d’epoca.

Se la vista è appagata dalle bellezze che si possono visitare lungo il tragitto, non di meno lo sarà il palato, grazie al picnic con prodotti tipici bolognesi. Una sosta golosa, che vi immergerà in un’atmosfera di altri tempi, di sicuro fascino.

Il tour in Vespa è una modalità inedita e divertente per esplorare i suggestivi scorci delle dolci colline bolognesi. Partenza e ritorno da Bologna centro. Le tappe sono: San Michele in Bosco, Eremo di Ronzano, 300 Scalini, Parco Cavaioni, Sabbiuno, Ponte di Vizzano, Palazzo de Rossi, San Luca. Tra gli highlights di questo percorso, si evidenziano:

Complesso di San Michele in Bosco: si erge in uno dei punti più panoramici dei colli a ridosso di Bologna e il suo sagrato costituisce uno splendido balcone sulla città e sulla pianura fino alla catena alpina. L’imponente complesso architettonico comprende la chiesa e l’adiacente ex-convento degli Olivetani, uno dei più grandiosi e ameni d’Italia.

Eremo di Ronzano: situato su un colle fra una folta vegetazione di querce secolari, castagni e cipressi (vi cresce anche l’olivo) e con una magnifica vista panoramica sulla città e sulla zona collinare. A metà del XV secolo fu acquistato dai Domenicani che lo ricostruirono nelle forme attuali, impreziosendo l’interno della chiesa di S. Vincenzo di affreschi di scuola bolognese del primo Cinquecento.

Parco Cavaioni: questa oasi verde abbraccia il tratto iniziale della valle del Ravone, un piccolo torrente che confluisce nel Reno subito dopo Bologna. Il nome è legato al bolognese cavajàn, che indica la massa di covoni e ricorda la passata destinazione a seminativo di gran parte di questi terreni. La vegetazione si struttura in vari ambienti di grande fascino, specialmente durante la stagione primaverile.

San Luca: questo santuario, posto sul Colle della Guardia, rappresenta uno dei simboli di Bologna. Le oltre 600 arcate del portico, unico al mondo per la sua lunghezza di quasi quattro chilometri, collegano il santuario alla città e agevolano la processione che ogni anno dal 1433 conduce la bizantina Madonna con Bambino alla cattedrale durante la settimana dell’Ascensione

“Vespa Tour con picnic sui colli” è disponibile tutti i giorni su richiesta. Il costo, comprensivo di noleggio della Vespa 50,  è di  150 Euro a persona e comprende anche il picnic sui colli con prodotti tipici bolognesi. Se si preferisce condividere la moto in coppia, è possibile optare per il noleggio della Vespa 125 (al costo di 280 Euro per due).

Info: www.bolognawelcome.com

Potrebbe interessarti:

 Bologna ospita l’arte psicologica di Francis Bacon
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti