Unesco, per Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene rinvio al 2019

Print Friendly, PDF & Email
rinvio Unesco per Colline del prosecco

La decisione di includere le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene nel Registro del Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco è stata rinviata, in vista dell’approvazione nel 2019. Nella riunione del World Heritage Committee (Whc) a Manama (Bahrain), si sono pronunciati a favore 12 votanti su 21 totali.


La maggioranza richiesta per l’iscrizione delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene era di 14 su 21 e l’appuntamento è stato rinviato al 2019 dal momento che si sono espressi 12 votanti a favore e 9 contro.

Si tratta di un rinvio semplice, cioè l’anticamera dell’iscrizione al prestigioso Registro Unesco. Nella decisione finale il Comitato dell’Unesco ha riconosciuto “le alte potenzialità del sito candidato, che ha elementi di unicità che devono essere meglio precisate. E invita l’Italia a presentare il prossimo anno il dossier con le correzioni richieste per l’iscrizione“.

Il risultato è stato ottenuto su proposta della Tunisia e nonostante l’opposizione di Spagna e Norvegia, dopo due ore di dibattito e di pressing della commissione italiana interministeriale guidata dal sottosegretario agli Affari Esteri Guglielmo Picchi e dall’ambasciatore Vincenza Lomonaco, rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unesco.

Abbiamo un anno di lavoro per sciogliere ogni dubbio“, ha rilevato Picchi. “Oggi si è vinto – ha proseguito – con 12 Paesi a favore per la candidatura paesaggistica delle colline venete, al voto popolare, ma per solo due mancate astensioni si è arrivati al rinvio semplice“. Sulla stessa linea un altro componente della delegazione italiana, Pier Luigi Petrillo, per il quale “abbiamo ottenuto una quasi promozione“. Per il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, l’esito del voto sul riconoscimento Unesco della qualità paesaggistica e ambientale dell’area del Prosecco Docg “è la dimostrazione palese che il dossier sulle Colline del Prosecco Conegliano-Valdobbiadene Patrimonio dell’Umanità è stato redatto correttamente”.

“Faremo tutte le integrazioni che l’Unesco richiede – ha aggiunto – e ci rivedremo tra un anno a Baku, alla prossima sessione del Whc“. Attende con ansia l’appuntamento del 2019 anche la Coldiretti, per la quale “ci sono tutte le condizioni per ripresentare la candidatura” per il riconoscimento, da parte dell’Unesco, della qualità paesaggistica e ambientale dell’area del Prosecco Docg.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti:

Ivrea patrimonio unesco

IVREA, LA CITTÀ INDUSTRIALE DEL ‘900 NOMINATA PATRIMONIO UNESCO

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti