Con Italobus sulle montagne: Cortina, ma non solo!

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Italo torna in montagna:  dopo il successo della stagione invernale, la compagnia rilancia l’intermodalità rotaia-gomma anche per l’estate consentendo ai propri viaggiatori di raggiungere comodamente le città di Longarone, Tai di Cadore, Valle di Cadore, Venas, Peaio, Vodo, Borca di Cadore, San Vito di Cadore e Cortina D’Ampezzo, con il servizio Italobus dalla stazione di Venezia Mestre.


Grazie all’accordo con ATVO, l’azienda di trasporto pubblico che opera nel Veneto Orientale, a partire dal 9 agosto, i viaggiatori Italo possono utilizzare la stazione di Venezia Mestre come snodo intermodale, arrivando qui in treno e salendo poi sul bus per raggiungere le diverse località venete. Tutto questo con la comodità di un unico biglietto, valido per entrambi i mezzi, che consente di viaggiare col massimo dei servizi sia in treno che in pullman.

2 i servizi in partenza da Venezia Mestre alle 10:10 (tutti i giorni) e alle 15:10 (dal giovedì al lunedì), in coincidenza con il treno proveniente da Roma delle 6:15 e con quello da Salerno delle 8:55,con arrivo a Cortina D’Ampezzo rispettivamente alle 12:35 e alle 17:45, passando per Longarone, Tai di Cadore, Valle di Cadore, Venas, Peaio, Vodo, Borca di Cadore, San Vito di Cadore.

Da Cortina D’Ampezzo è possibile partire alle ore 10:00 (dal giovedì al lunedì) e alle ore 13:15 (tutti i giorni) per giungere rispettivamente a Venezia Mestre alle 12:30 e alle 15:40 in coincidenza con il treno delle 13:12 per Roma e delle 16:12 per Napoli.

Un’occasione imperdibile per tutti gli amanti della montagna e non solo: i viaggiatori Italo possono perdersi tra i paesaggi da fiaba del lago di Cadore, ammirare le panoramiche cascate, percorrere i numerosi e affascinanti sentieri da trekking e ovviamente raggiungere Cortina la Regina delle Dolomiti, trascorrendo così le proprie vacanze con un giusto mix di sport, cultura e dolce vita.

Fonte: Italo

Potrebbe interessarti:

Soste frequenti e acqua a bordo: ecco come affrontare l’esodo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti