Le mostre inaugurate nel weekend di Ferragosto

Print Friendly, PDF & Email

I linguaggi contemporanei dominano le mostre che si sono aperte in questa settimana di ferragosto e che sono visitabili nel week end. Dalle tele in blu di Fettolini a Como, alle sagome in ferro dipinto di Borzelli a Viterbo.


COMO

Scorci di cielo e distese d’acqua, eterei paesaggi dipinti di blu tra realtà e immaginazione: è la mostra di Armando Fettolini in programma negli ambienti dell’ex Chiesa San Pietro in Atrio dal 14 agosto al 2 settembre.

Dal titolo “Blu Agostino” e a cura di Simona Bartolena e Salvatore Marsiglione, la mostra presenta una selezione di opere della recente serie dei Blu, nelle quali i paesaggi, da sempre tema prediletto dall’artista, divengono astratti, trasformandosi in luoghi intangibili e infiniti.

VITERBO 

Artiste di epoche diverse, talentuose ma troppo libere e anticonvenzionali per essere tollerate, impegnate nell’arte, nella letteratura, nella scienza e nella politica, che hanno in comune la caratteristica di essere state dimenticate: sono le protagoniste di “Sagome, storie di artiste ignorate”, la personale di Rossana Borzelli che si terrà presso lo Spazio Pensilina dal 18 agosto al 15 settembre.

Tina Modotti, Seraphine Louis e Claude Cahun sono solo alcune delle donne a cui Borzelli rende omaggio attraverso suggestivi ritratti realizzati su sagome di ferro dipinto, alte 2.50 metri.

ASCIANO (Si)

Si intitola “Lauretana 2018” la mostra personale di Anna Sala, allestita dal 19 agosto al 30 settembre presso la Torre de’ Bandinelli.

Nate dal colloquio surreale tra l’artista milanese e l’intimità/sacralità del paesaggio lauretano, le opere esposte evocano l’antica via Lauretana che congiungeva, fin dal Medioevo, Siena e le Crete Senesi con il Santuario Mariano di Loreto e con l’Oriente, attraverso il mare dalle Marche.

ALBI (Cz)

“Origins” è la prima mostra d’arte Contemporanea nel Museo delle Arti e delle Tradizioni del Parco Nazionale della Sila, dedicata ai due giovani artisti albesi Domenico Canino e Valeria Dardano.

Nella bipersonale gli artisti, esaltando il dialogo costante fra visibile e invisibile, vogliono sensibilizzare le comunità locali a valorizzare il patrimonio del luogo in cui vivono e al tempo stesso ad aprirsi a contaminazioni provenienti da differenti contesti.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Mantova, a settembre arriva Chagall
Da Tiepolo a Canaletto, l’arte italiana sbarca a Mosca
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti