Marmellate che passione!

Print Friendly, PDF & Email

Ci siamo: il periodo delle conserve è arrivato! E tra le conserve per eccellenza c’è la marmellata: semplice da preparare (servono solo zucchero, frutta e pectina), nutriente e gustosa, la marmellata è un utile alleato per combattere il freddo inverno.

Per fare una perfetta marmellata occorre, per prima cosa, scegliere frutta che abbia raggiunto un certo grado di maturazione, si passa poi a lavarla (senza rimuovere la buccia), tagliarla a pezzi piccoli e omogenei e metterli in una casseruola con una quantità di zucchero che può variare da meno della metà fino a pari peso.

Si fa cuocere il composto a fuoco moderato per il tempo necessario a far evaporare l’acqua e addensare gli zuccheri. Senza l’aggiunta di pectina extra questa operazione potrebbe richiedere anche un paio d’ore. Arriva qui la nota dolente: usare o non usare la pectina in polvere? Questa sostanza, che già si trova di suo nella frutta, serve a gelificare il composto, ma alcuni tipi di frutta ne sono ricchi, come le mele, altri meno. Se si vuole creare un prodotto gustoso e nutritivo, rinunciando alla sua integralità, la pectina in polvere è un altro ingrediente da aggiungere alla lista.

Come conservare la marmellata? Si parte con i barattoli con tappo a chiusura ermetica, meglio se a vite, che vanno sterilizzati facendoli bollire in acqua per 30 minuti, in alternativa in forno a 130°C. per lo stesso tempo oppure mettendoli nel microonde leggermente umidi per 40 secondi. Una volta tirati fuori si versa la confettura bollente, avendo cura di pulire i bordi da eventuali residui e chiudere col tappo.

Bisogna poi mettere il barattolo sottosopra in modo che la marmellata bollente sterilizzi ulteriormente sia il barattolo che il tappo e lasciate raffreddare. Il calare della temperatura crea un’effetto sottovuoto che conserverà la preparazione per diversi mesi. I barattoli poi vanno conservati a temperatura ambiente in un luogo asciutto e una volta aperti in frigorifero per un paio di settimane.

Qualche idea sul gusto? Dalle marmellate classiche, come quelle alle pesche, alle fragole e alle ciliegie a quelle con la frutta di stagione, ovvero fichi, uva e frutti di bosco, passando per le originali con fiori, rose e violette o con frutta esotica, come mango o fichi d’india.

Potrebbe interessarti:

Noci, pistacchi e mandorle sono i frutti secchi più amati

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti