Trend food dell’estate: in pole position sushi e poké

Print Friendly, PDF & Email

Nel 2016 si era profetizzato: ‘scalzerà il sushi’, indicato tra glihip food 2017 per i modaioli (con i primi ristoranti apripista), confermato trend food 2018 anche in Italia , il poke ha fatto davvero il boom.

Il piatto tradizionale hawaiano a base di pesce crudo ha attraversato il Pacifico, spopolato dapprima sulla West coast americana, si è diffuso in tutto il mondo e anche da noi è una delle proposte più in dell’estate.

Innanzitutto si pronuncia “poh-kay” e la sua preparazione è abbastanza semplice: il piatto consiste infatti in una preparazione di pesce freschissimo servito crudo dopo esser stato marinato in un mix di spezie esotiche, solitamente in una ciotola o coppettina, la bowl. Nella versione tradizionale i cubetti di pesce (salmone, branzino o – come vuole la tradizione – tonno) vengono fatti macerare con salsa di soia, olio di sesamo, sale marino e erba cipollina.

Ma ci sono anche numerose varianti che prevedono l’utilizzo di peperoncino, alghe, avocado, noci tostate e così via. La fantasia non ha limiti in questo caso, tanto che in alcuni ristoranti si preferisce la formula fai da te: i clienti possono comporre il proprio piatto come desiderano scegliendo dagli ingredienti disposti a buffet.

L’importante è che il pesce sia tagliato a cubetti, in una rivisitazione della tradizionale tartare: il termine poke stesso, infatti, nella lingua hawaiana significa “affettare, tagliare a pezzettini”.

Anche il mondo della ristorazione si sta adeguando a questa nuova tendenza: se a Londra fra i primi in Europa a importare questa ricetta è stato l’Ahi Poke (il nome si riferisce alla variante con tonno pinna gialla), anche in Italia sono decine le nuove realtà, tanto che sono una voce di cucina segnalata dalla app The Fork.

Ma non solo pokè ovviamente, è tutto il pesce crudo ad imperversare sulle tavole dei ristoranti anche in luoghi turistici che nulla avrebbero a che fare. Si mangia sushi sulle Dolomiti come in Costa Smeralda. C’è anche chi ha ideato (tra le isole Pontine e la costa laziale) il sushi boat restaurant, Murakami, un veliero con chef nippo-brasiliano a bordo, per aperitivi o cene a base di pesce crudo.

Fonte: ANSA

Potrebbe interessarti:

 A Parma arriva la Pop Art americana
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti