Ministro Centinaio, usare il camper per viaggi alternativi

Print Friendly, PDF & Email

Secondo il Ministro Centinaio il camper è un ottimo mezzo per il turisti perché permette di visitare aree protette e luoghi poco conosciuti.


“Vogliamo che i turisti vadano ad ammirare quello che l’Italia può dare in termini di turismo alternativo e in questo il mondo del camper è in linea con i nostri obiettivi”.

Così il ministro del Turismo Gian Marco Centinaio all’inaugurazione della nona edizione del Salone del Camper alle Fiere di Parma, che punta a bissare, fino al 16 settembre, gli oltre 130 mila visitatori del 2017.

Un settore in crescita che vale 8,7 milioni di turisti (4,2 milioni sono italiani) e 2,6 miliardi di fatturato.

“Viaggiare in camper” – sottolinea il ministro – “può diventare un grande acceleratore per l’economia del territorio”: una vacanza in camper permette di visitare “aree protette e scorci poco conosciuti”, instaurando “uno stretto legame con la natura, la cultura e l’enogastronomia”.

Tra le linee di azione “ci sarà il massimo impegno in termini di comunicazione, risorsa fondamentale per il comparto” – sottolinea – “e anche la ricerca di soluzioni normative che possano migliorare l’intero settore”.

A Parma, oltre 300 aziende italiane e internazionali, con l’export all’85% e la produzione 2017 che segna un +43%.

“L’industria della produzione di camper e caravan italiana” – conferma il ministro – “è in continua espansione e ogni anno lavora per valorizzare un comparto produttivo che è ambasciatore dell’innovativo design made in Italy all’estero”.

Nel 2017 si stima che 4,2 milioni di italiani abbiano viaggiato in camper, caravan e tenda, generando un fatturato da 1,3 miliardi, per non parlare dei 4,5 milioni di stranieri (in primis tedeschi, olandesi, francesi e austriaci): +5,8% la spesa degli stranieri 2017, con food e shopping che incidono oltre il 50%.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

I Baci Perugina diventano rosa
Viaggio in camper con i bambini: i consigli di Yescapa
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti