Roma, le Gallerie Barberini Corsini insieme allo studio legale Dentons per il restauro della tela “Allegoria dei cinque sensi” di Mattia e Gregorio Preti

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Le Gallerie Nazionali di Arte Antica hanno avviato il restauro della monumentale tela “Allegoria dei cinque sensi” di Mattia e Gregorio Preti grazie al finanziamento dello studio legale Dentons, che con questa nuova iniziativa di mecenatismo celebra i tre anni di apertura in Italia.


L’”Allegoria dei cinque sensi”, una grande tela di soggetto profano d’impronta caravaggesca realizzata da Mattia e Gregorio Preti nei primi anni Quaranta del Seicento, per anni in deposito presso il Circolo Ufficiali delle Forze Armate, è attestata fin dal 1686 nella quadreria di Maffeo Barberini junior come “Un quadro per longo con diversi ritratti: chi sona, chi canta, chi gioca, chi beve e chi gabba il compagno”, una descrizione che sottolinea la complessa articolazione del dipinto dove, secondo un modello molto in voga nel Seicento, diversi gruppi di personaggi intenti in attività quotidiane diventano immagine allegorica dei cinque sensi.

Siamo molto lieti di questo rapporto con il prestigioso studio Dentons, – dichiara Flaminia Gennari Santori, direttore del Museo – un rapporto che testimonia nuovamente come pubblico e privato possano contribuire insieme alla conservazione e alla valorizzazione del nostro patrimonio culturale. Il restauro e le indagini che saranno condotti sulla tela di Mattia e Gregorio Preti ci permetteranno di restituire finalmente al pubblico un’opera rimasta per anni invisibile e allo stesso tempo di approfondirne la storia e la tecnica che sarà oggetto di un’esposizione curata e prodotta dalle Gallerie Nazionali“.

Il restauro sarà effettuato da Giuseppe Mantella, che da anni lavora sulle opere di Mattia Preti a Malta e in Calabria, e sarà affiancato da una serie di indagini diagnostiche che permetteranno di comprendere meglio la pratica esecutiva dei due fratelli, attivi a quattro mani sulla stessa tela.

Al termine del lavoro, l’opera sarà presentata al pubblico in un’esposizione che costituirà l’occasione per tornare a riflettere sul rapporto tra Mattia e Gregorio Preti ed entrerà finalmente a far parte del percorso espositivo permanente del Museo, in una delle nuove sale aperte al pubblico lo scorso aprile nell’ala sud di Palazzo Barberini.

Fonte: Barberini-Corsini Gallerie d’Italia

Potrebbe interessarti:

 Lorenzo Lotto big star a Londra con una mostra alla National Gallery
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti