A Milano in mostra i capolavori di Piero Dorazio

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Tornabuoni Arte propone, dal 25 ottobre al 10 dicembre, nella sua sede milanese di via Fatebenefratelli 36/36, una attenta monografica di Piero Dorazio.


Per questo importante omaggio milanese al Maestro romano, Roberto Casamonti ha personalmente scelto alcune tele che, come opportunamente recita il titolo della rassegna, sono altrettanti suoi capolavori. A cominciare da “Nel cuore verde”, opera del 1965, che nell’anno seguente partecipò alla Biennale di Venezia e che qui è stata scelta come immagine della mostra ed alcuni bellissimi reticoli degli anni ’60.

Per me – afferma Casamonti, Dorazio- è stato molto di più che un protagonista vero della pittura astratta europea e un importante intellettuale che ha saputo contribuire a rafforzare legami tra il nostro Paese, l’Europa e gli Stati Uniti“.

Al di là di ogni dubbio – aggiunge Roberto Casamonti – Dorazio ha avuto un ruolo chiave nell’arte del suo momento, un avanguardista di primo piano della pittura astratta europea. E allo stesso tempo, scrittore, critico d’arte, colto polemista, docente per un decennio all’Università di Pennsylvenia, sperimentatore nell’ambito delle arti decorative e del design urbano, organizzatore di eventi, osservatore attento e avveduto commentatore della ricerca artistica contemporanea. Un artista e intellettuale che la ricchezza e la poliedricità dei suoi interessi rendono oggi difficilmente incasellabile in classificazioni rigide”.

Concordo – conclude Casamonti – con quanto ha scritto Serge Lemoine nel catalogo di una recente, grande mostra parigina su Dorazio: “Grazie a Dorazio, l’arte italiana si è liberata dal provincialismo, è tornata all’altezza del suo passato e l’Italia ha scoperto nuovi orizzonti”.

Informazioni:

Milano, Tornabuoni Arte, Via Fatebenefratelli 34/36

25 ottobre – 10 dicembre 2018

Fonte: Studio Esseci

Potrebbe interessarti:

 Per un mese Bologna suonerà a ritmo di jazz

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti