Una retrospettiva su Mucha, tra i più grandi interpreti dell’Art Nouveau, ora a Bologna

Print Friendly, PDF & Email

Ottanta opere, di cui 27 esposte per la prima volta in Italia, per una retrospettiva sull’opera di Alphonse Mucha, tra i più grandi interpreti dell’Art Nouveau.   


Bologna. La mostra è ospitata fino al 20 gennaio, nelle sale settecentesche di Palazzo Pallavicini, che nel 1770 accolse l’esibizione dell’allora quattordicenne fanciullo prodigio Wolfgang Amadeus Mozart.

Organizzata in collaborazione con Mucha Foundation e con la curatela di Tomoko Sato, l’esposizione pone uno sguardo inedito sull’opera dell’artista ceco (1860-1939), uno dei più celebrati ed influenti artisti della Parigi fin-de-siècle.

Conosciuto per le sue grafiche, come i cartelloni teatrali realizzati per l’attrice ‘superstar’ Sarah Bernhardt, e le immagini pubblicitarie con donne eleganti ed attraenti, Mucha creò uno stile ben definito, ‘le style Mucha’, caratterizzato da composizioni armoniose, forme sinuose, riferimenti alla natura e colori pacati, che divenne sinonimo dell’emergente stile decorativo del periodo, l’Art Nouveau.

Il percorso espositivo esamina gli aspetti teorici delle sue opere, soprattutto il concetto di bellezza, principio centrale della sua arte.

La mostra include alcuni tra i suoi più iconici lavori, poster e cartelloni del periodo parigino e getta uno sguardo al linguaggio artistico con cui espresse il suo nazionalismo una volta ritornato nella sua patria, negli ultimi anni di vita.

L’esposizione si compone di tre sezioni tematiche (Donne-Icone e Muse, Le Style Mucha-Un linguaggio visivo, Bellezza-Il potere dell’ispirazione) e si apre con ‘Gismonda’, il primo vero manifesto disegnato per Sarah Bernhardt, trasformata in una dea bizantina.

Il poster ricevette apprezzamenti immediati non appena apparve sui cartelloni di Parigi, l’1 gennaio 1895, e il suo successo portò a Mucha anche numerose commissioni per disegnare manifesti pubblicitari.

Negli ultimi lavori, invece, il suo stile si era evoluto nell’arte della creazione del messaggio: le opere in mostra in questa sezione includono studi per la decorazione dell’allora nuovo Municipio di Praga, così come il manifesto per la mostra ‘Epopea Slava’, tenuta a Praga e Brno nel decimo anniversario della nascita della Cecoslovacchia.

   

Ulteriori informazioni al sito: www.palazzopallavicini.com

Potrebbe interessare:

Bologna ospita la mostra “Warhol&Friends. New York negli anni ‘80”
Un tour in Vespa sui colli bolognesi? È possibile grazie a Bologna Welcome
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti