Firenze, uno scrigno di affreschi riaperto nella reggia medicea di Palazzo Pitti

Print Friendly, PDF & Email

Uno scrigno di affreschi si aprirà nel cuore della reggia medicea di Palazzo Pitti a Firenze. 


La sala di Bona, anticamera della celebre Sala Bianca (o degli Stucchi) dove i Medici ricevevano i più illustri ospiti, interamente pitturata e decorata nel ‘600 dal pittore Bernardino Poccetti, allievo del Ghirlandaio, dopo essere stata chiusa per molti anni è tornata disponibile al pubblico.

I grandi affreschi, in particolare i murali principali, che rappresentano la presa della città di Bona in Tunisia da parte dei cavalieri di Santo Stefano nel 1607 e la battaglia di Nikopoli tra impero ottomano e forze francesi e ungheresi nel 1396, hanno perso il loro colore originale e si sono pieni di ‘microfratture’ sulla superficie.

Ma torneranno come nuovi, grazie al restauro dell’Opificio delle pietre dure che verrà finanziato con oltre 1 milione di dollari dalla mecenate americana Veronica Atkins, esponente dei Friends of the Uffizi.

E’ la più consistente donazione individuale mai elargita agli Uffizi. Per il restauro ci vorranno 2 anni.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Uffizi: apre al pubblico la nuova sala dedicata a Leonardo
Torino, la Cappella della Sindone riapre dopo 21 anni
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti