“Ci vediamo da Lucio”, finalmente visitabile a Bologna la casa di Dalla

Print Friendly, PDF & Email

Bologna. Da gennaio la casa di Lucio Dalla in via D’Azeglio, a due passi da Piazza Maggiore, aprirà le porte con visite guidate, a numero chiuso, tutti i venerdì.


E’ dei giorni scorsi la presentazione dell’iniziativa “Ci vediamo da Lucio!”, la prima di quelle condivise nel patto di collaborazione appena siglato tra la Fondazione Lucio Dalla e il Comune di Bologna; patto che arriva dopo anni di rapporti non sempre semplici tra amministrazione ed eredi.

Anche se sono trascorsi sei anni dalla scomparsa, il suo ricordo è più vivo che mai, attraverso la sua musica ma anche nelle pareti della sua casa bolognese, negli oggetti che amava e che lo incuriosivano. Nel suo pianoforte, nei quadri, nei libri, nelle fotografie, negli Angeli. Un patrimonio culturale, oltre che affettivo, che il pubblico potrà ammirare non più solo in eventi straordinari.

Ecco perchè la scelta di rendere visitabile la casa è stata vista come “una svolta” dall’assessore alla Cultura Matteo Lepore. La casa di Lucio Dalla si potrà visitare non solo per occasioni speciali, ha sottolineato Andrea Fraccani, presidente della fondazione, ma stabilmente. Unico stop nei mesi di luglio e agosto “per preservare affreschi e altre opere presenti nelle settimane più calde dell’anno”.

Sulla casa c’è anche un altro progetto, che punta a coinvolgere giovani talenti musicali. Si tratta del “Labo-contest videoclip” che aprirà le stanze sotto le Due Torri come residenza artistica. Selezionati video-maker potranno trarre ispirazione dal luogo caro a Dalla e concorrere per la realizzazione di un video clip con un brano dell’artista.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

‘Una testa, un volto. Pari nelle differenze’: a Bologna i ritratti di McCurry
Tutti pazzi per Bologna grazie all’Ispettore Coliandro
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti