Reggio Emilia celebra l’artista Dubuffet

Print Friendly, PDF & Email

Palazzo Magnani di Reggio Emilia celebra Jean Dubuffet (1901-1985), uno dei maggiori pittori del Novecento, protagonista dell’Informale.


Una mostra in programma dal 17 novembre al 3 marzo – ‘L’arte in gioco.Materia e spirito 1943-1985’ – ne illustra la figura di genio universale e multiforme, esplorando i numerosi cicli creativi, le ricerche, le sperimentazioni tecniche inedite e originali.

La rassegna, curata da Martina Mazzotta e Frederic Jaeger, presenta una selezione di 140 opere – dipinti, disegni, grafiche, sculture, libri d’artista, dischi – provenienti dalla Fondation Dubuffet e dal Musée des Arts Décoratifs di Parigi, ma anche da musei e collezioni private di Francia, Svizzera, Austria e Italia, oltre a 30 lavori protagonisti dell’art brut, termine coniato da Dubuffet per indicare una forma di espressione artistica spontanea.

Nelle stesse date a Palazzo da Mosto un’altra mostra offre connessioni con l’antologica dedicata a Dubuffet: è ‘La vita materiale-otto stanze, otto storie’.

L’esposizione, che inaugura una nuova stagione del contemporaneo della Fondazione Palazzo Magnani, presenta la ricerca di otto artiste italiane – Chiara Camoni, Alice Cattaneo, Elena El Asmar, Serena Fineschi, Lodovica Gioscia, Loredana Longo, Claudia Losi, Sabrina Mezzaqui – accomunate dall’impiego e rigenerazione di materiali spesso umili e tradizionalmente associati all’artigianato, che trovano un originale spazio nel loro lavoro artistico.

Lo spettatore è invitato a scoprire otto habitat, otto ambienti a cui ogni artista ha dato un titolo, in cui ognuna di loro ha proposto il proprio mondo.

La mostra coinvolge e interroga i sensi, vista e tatto in particolare, “perché la nostra esperienza passa attraverso il corpo che crea sinestesie con ciò che lo circonda”.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Mostre, gli appuntamenti da non perdere in autunno
Al PAN di Napoli dal 1 novembre in mostra Escher
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti