Nel cuore della Toscana a caccia di tartufi, gustando i prelibati vini della Tenuta Torciano

Print Friendly, PDF & Email

C’è un luogo in Toscana dove è possibile conoscerla a fondo, esplorando uliveti e boschi a piedi o a cavallo e gustando tutte le prelibatezze di questa ricca terra. Si tratta della Tenuta Torciano.


Fondata a San Gimignano dalla famiglia Giachi che l’ha gestita per 15 generazioni, evolvendosi da una realtà con cinque dipendenti e 5.000 bottiglie all’anno a una che vede impiegati 50 dipendenti e la produzione di oltre 15 tipologie di vini differenti, tra cui Brunello di Montalcino, Super Tuscans, Chianti, Chianti Classico, Nobile di Montepulciano, Bolgheri, Vernaccia di San Gimignano e altre riserve speciali. Fautore di questo cambiamento, che però tiene conto della trazione, è Pierluigi Giachi, l’attuale proprietario.

Varie le attività messe a disposizione dei visitatori: sorvolando in elicottero il territorio si può apprezzare la regione del Chianti anche da una prospettiva inusuale; si può anche rivivere la tradizionale caccia al tartufo nella vasta tartufaia della proprietà, e ancora, gustare un pranzo prelibato a base dei prodotti migliori dell’azienda, nella splendida cornice dei vigneti. C’è poi la Torciano Wine School che porta in giro per il mondo i vini, con degustazioni private e lezioni che contemplano dal protocollo del bicchiere ai migliori abbinamenti vino-cibo.

Maggiori info: www.torciano.com 

Potrebbe interessarti:

 San Gimignano, borgo medievale dove si ferma il tempo
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti