Venezia ospita il prossimo maggio una mostra su Arshile Gorky

Print Friendly, PDF & Email

Nel maggio 2019 la Fondazione Musei Civici di Venezia presenta una importante mostra dedicata a Arshile Gorky negli spazi di Ca’ Pesaro. Si tratta della prima retrospettiva italiana su questo artista considerato una delle figure chiave dell’arte americana del XX secolo. 


La mostra prende in considerazione le tappe della straordinaria carriera di Gorky dai primi lavori degli anni Venti, in cui il suo approccio alla pittura è fortemente connotato dal rapporto con le composizioni di Cézanne, passando per i punti più alti del suo studio da autodidatta dei maestri e dei movimenti moderni, fino ad arrivare alla fase in cui tutti questi stimoli confluiscono in una potente e singolarissima visione. 

Arshile Gorky: 1904-1948 si propone di evidenziare come, sin dalle fasi precoci della sua carriera, quando è apparentemente soggiogato dal lavoro dei grandi maestri del passato, la voce artistica di Gorky sia già presente, e vada rafforzandosi mano a mano che il suo lavoro progredisce. La sezione finale della rassegna mostrerà con quale forza l’energia pittorica e l’immaginazione di Gorky si uniscano ad un rinnovato incontro con la natura, nei paesaggi della Virginia e del Connecticut, durante le estati del 1942-45. Una selezione di questi capolavori maturi, con la loro gamma di surreale, di astratto, di figurativo, rivela un artista al culmine del suo straordinario potere creativo. La qualità inimitabile delle ultime opere fu riconosciuta dal poeta surrealista André Breton che, nella prefazione al catalogo di una mostra di Gorky del 1945, la descrisse come un “ibrido”, riconoscendo la complessità con cui Gorky evocava il mondo naturale, unendolo a una moltitudine di memorie personali e influenze diverse. 

Accanto ai dipinti, la mostra includerà una selezione di lavori su carta che dimostrano la mano incredibile di Gorky. 
I lavori esposti giungeranno da collezioni internazionali sia istituzionali che private: tra queste la Tate di Londra, la National Gallery of Art di Washington DC, il Whitney Museum of American Art di New York, il Centre Pompidou di Parigi, Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid, l’Israel Museum di Gerusalemme. In tutto saranno esposte circa 80 opere. 

Informazioni: 

Arshile Gorky: 1904-1948 

A cura di Gabriella Belli e Edith Devaney

Venezia, Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale di Arte Moderna

8 maggio – 22 settembre

Fonte: Studio Esseci

Potrebbe interessarti:

 Alle Scuderie del Quirinale gli Amores di Ovidio
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Il “Salvator Mundi”acquistato da un principe saudita

Roma. Finalmente svelato il mistero intorno al misterioso acquirente del “Salvator Mundi” di Leonardo da Vinci. Ad essersi aggiudicato dell’opera d’arte più costosa al mondo sarebbe un quasi sconosciuto principe saudita. ...
Vai alla barra degli strumenti