Natale alle Baleari: tra antiche tradizioni e una ricca offerta gastronomica

Print Friendly, PDF & Email


Roma. L’atmosfera natalizia arriva fino alle Isole Baleari che proprio in occasione delle festività mostrano Il loro lato più autentico grazie al manifestarsi di tradizioni religiose e popolari. Trascorrere le festività a Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera significa prendere parte ad antiche celebrazioni, assistere a suggestivi concerti di canti popolari, visitare presepi, assaporare la ricca offerta gastronomica e passeggiare per le strade delle diverse cittadine illuminate a festa.


Maiorca

La Vigilia di Natale a Maiorca si carica di un forte spirito religioso e tutte le chiese ospitano le “Matines”, la tradizionale messa di mezzanotte del 24 dicembre in cui si svolge il Cant de la Sibila, un emozionante canto di origine medioevale dichiarato Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO nel 2010. Il testo in latino – adattato in catalano dal XIII secolo – profetizza l’arrivo del Redentore e il giudizio finale, ed è cantato da una sola persona di voce angelica – generalmente un bambino o una bambina – che indossa una veste bianca e un cappotto ricamato in classico stile medievale. Il cantante porta una spada sospesa in aria davanti al viso per tutta la durata della canzone e si esibisce senza accompagnamento musicale. A parte le tradizioni religiose, è possibile perdersi tra le vie illuminate a festa della storica città di Palma e percorrere veri e propri itinerari alla scoperta dei tanti presepi dell’isola che da dicembre a gennaio sono esposti presso chiese, conventi e centri culturali.

Anche la gastronomia natalizia regala un’esperienza indimenticabile e la possibilità di assaggiare i prodotti locali, dal torrone artigianale ai cuori di San Francisco fino alle ensaïmada ripiene di marzapane e i peix in pasta di mandorle. Ma oltre ai dolci, le tavole natalizie vengono imbandite con un menu di piatti tradizionali, quali la sopa rellena, un piatto di pane, carne e verdura, la carn freda de Nadal o la pasta farcida, conchiglioni di pasta ripiena e servita in brodo.
 

Minorca

Il periodo natalizio a Minorca si colora di magia e una leggenda anticipa l’arrivo del Natale. All’inizio di dicembre, quattro elfi magici, i llumets, che secondo la leggenda vivono a Colom, un isolotto a est di Minorca, sono incaricati di accendere le luminarie che costellano le strade e le piazze dell’isola la prima domenica di dicembre, dando così ufficialmente il via al periodo più magico dell’anno. Per vederli è necessario appostarsi in Plaza de la Constitución de Mahón e rivolgere lo sguardo alla facciata della chiesa di Santa Maria. I llumets si arrampicano furtivi sulla torre del campanile e da lì salutano gli spettatori e distribuiscono dolci e caramelle ai presenti.

I quattro folletti hanno anche il compito di mettere fine ai festeggiamenti spegnendo le luminarie subito dopo il Día de Reyes, il 5 gennaio. Per quanto riguarda le leccornie gastronomiche, tra i prodotti tipicidi Minorca spiccano sicuramente i dolci tra cui i famosi pastissets, piccoli biscotti a forma di fiore, gli amargos, a base di mandorle e il cuscussó, sempre con mandorle, frutta candita, pinoli e uvetta. Inoltre, come in tutte le Baleari, non mancano le esposizioni dipresepi: Maó, Ciutadella e Alaior sono le città rappresentative per questa tradizione natalizia. Tra le mostre si nota quella del Monasterio de Santa Clara, a Ciutadella, che ogni anno sorprende i visitatori con le sue spettacolari realizzazioni.
 

Ibiza

A Natale, la vivace Ibiza cambia volto e si anima di antiche tradizioni. In questo periodo la musica rimane comunque la nota caratteristica dell’isola che celebra il 14 e il 15 dicembre la Audición de Navidad, un vero e proprio concerto realizzato dalla Escuela de Música de Ibiza, mentre il 15 e il 16 dicembre vanno in scena rispettivamente le esibizioni del Coro de la Ciudad de Ibiza e della Banda Sinfónica presso l’Espacio Cultural Can Ventosa. Da non perdere le Caramelles de Navidad, antichi canti religiosi tipici del Natale che annunciano la nascita di Gesù e sono la rappresentazione della musica delle isole Pitiuse. Per approfondire le tradizioni natalizie, è consigliata una visita alle mostre dei presepi dell’isola nelle parrocchie di Santa Creu, Sant Pau e Sant Elm. In tema di gastronomia natalizia, due sono i prodotti tipici: la Salsa de Nadal, una crema al torroncino servita principalmente come accompagnamento ai dessert e il famoso Sofrit Pagès, ovvero lo stufato contadino, preparato con pollo, carne di maiale, agnello, sobrasata e botifarrò.
 

Formentera

Formentera, l’isola delle spiagge bianche e del mare cristallino, in inverno diventa un luogo unico dove trascorrere le feste natalizie con tutta la famiglia all’insegna delle tradizioni e degli eventi. La stagione delle feste si apre con l’inaugurazione del Mercado de Navidadnella Plaza de la Constitución, che per tutto il mese di dicembre ospita esposizioni di prodotti tipici e della tradizione. In questo periodo sono previsti una serie di eventi tra cui spettacoli musicali, giochi e workshop dedicati a tutte le fasce d’età. Il giorno della Vigilia di Natale, le chiese di Sant Francesc, Sant Ferrán e La Mola celebrano le Matinesin cui vengono interpretati gli emblematici antichi canti, Caramelles de Navidad, condivisi culturalmente con la vicina Ibiza.

La gastronomia di Formentera è ricca di ricette della tradizione tra cui il Bullit de Nadal, un piatto caldo a base di bollito di pancetta, pollame e maiale che costituisce la prima portata per eccellenza il giorno di Natale e il cui brodo è poi utilizzato per realizzare la salsa Mossona, protagonista indiscussa degli antipasti delle feste.

Potrebbe interessarti:

 Natale a Genova il ponte di luci più grande d’Europa
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Spa. Quali sono le migliori d’Europa?

Ci sono anche le italiane Terme di Chianciano e Officina del benessere Riva degli Etruschi di San Vincenzo fra le migliori Spa europee premiate con l’Innovation Award 2018 dell’European ...
Vai alla barra degli strumenti