Vacanze di Natale 2018: 4 milioni gli italiani in viaggio. Cresce la spesa media

Print Friendly, PDF & Email

Roma. In vacanza, alla riscoperta delle bellezze dell’Italia. Per gli italiani, le festività invernali del 2018 sono all’insegna del turismo, meglio se domestico: saranno infatti 4 milioni i nostri concittadini che si concederanno un viaggio già nel periodo di Natale, tra il 21 dicembre e il 28 dicembre.


Un afflusso turistico rilevante – si tratta di 500mila viaggiatori in più rispetto al 2017 – aiutato dal calendario: quest’anno il giorno di Natale cade di martedì, e le scuole e molte attività chiuderanno già oggi per riprendere l’attività il 27. A fare il pieno sono le destinazioni italiane: 3 viaggiatori su 4 sceglieranno una meta del nostro Paese. In crescita anche la spesa media prevista per le vacanze: 737 euro a persona, il 7% in più – o 49 euro – sulla cifra dichiarata in occasione delle festività 2017 (688 euro).

Durante le feste saranno protagoniste le destinazioni italiane: a scegliere una meta nel nostro Paese è infatti il 74% del campione – pari a circa 12,2 milioni di persone – la percentuale più alta mai rilevata dal Sondaggio Confesercenti-SWG dal 2007 ad oggi. Diminuisce, invece – anche sull’onda delle tensioni sulla sicurezza – la quota di viaggiatori diretti in Europa, che passa dal 23 dello scorso anno al 20%; solo il 6% farà un viaggio in un altro continente. In generale, in Italia o all’estero, i nostri concittadini cercheranno soprattutto una vacanza all’insegna di cultura e città d’arte, preferenza indicata dal 44% degli intervistati. Più di uno su quattro – il 27% – sceglierà invece una meta montana.

In Italia, si registra infatti un buon dinamismo soprattutto delle regioni con località di montagna – Val d’Aosta, Piemonte, Veneto, Friuli e Trentino Alto-Adige, ma anche Toscana e Abruzzo – e delle tante città d’arte tra cui si segnala la crescita di Milano e Verona.  In Europa, invece, ci si orienta soprattutto per le grandi capitali. Al di fuori dei confini continentali si inizia ad assistere alla rinascita (turistica) della costa meridionale del mediterraneo dopo lo stop imposto ai viaggiatori dai problemi di stabilità politica dell’area. In particolare, si rileva un aumento dei viaggiatori diretti in Egitto e Tunisia.

La maggior parte dei vacanzieri (64%) prenoterà via internet il proprio viaggio, il 2% in meno dello scorso anno. Praticamente stabili invece le agenzie di viaggio, scelte dal 15% degli intervistati.  Il 30% alloggerà in albergo o hotel, che si confermano dunque la tipologia di strutture più apprezzata, sebbene in discesa (era 33% nel 2017). Aumenta invece la quota dell’extralberghiero, cui si rivolgerà il 24%: l’11% dei vacanzieri agli affitti brevi mentre il 13% si affiderà ad un B&B.

Fonte: Confesercenti SWG

Potrebbe interessarti:

 Turismo, l’Italia convince anche in inverno: durante le vacanze di Natale 6,3 milioni di presenze straniere

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti