A Navelli, il borgo d’Abruzzo dal profumo di zafferano

Print Friendly, PDF & Email

Nei mesi di ottobre e novembre, nella piana di Navelli si compie il miracolo dei fiori viola, custodi del prezioso zafferano, “l’oro rosso” che ha fatto la fortuna di questo borgo abruzzese. 


Il borgo di Navelli appare all’improvviso adagiato sul colle, tra la conca dell’Aquila e quella di Sulmona.

Si tratta di un paese prevalentemente di pastori e contadini, reso ricco dal commercio dello zafferano che da secoli, nei mesi di ottobre e novembre, riveste l’esteso altopiano di un fantastico e profumato tappeto viola tanto da meritarsi, nel 2005, il marchio DOP (Denominazioni d’Origine Protetta).

Navelli si racconta attraverso le pietre e le decorazioni che ne ingentiliscono l’aspetto, a cominciare da quelle del palazzo Santucci, sorto sulle rovine dell’antica fortezza medievale. Attraverso un androne che conduce al cortile, si accede al Palazzo Baronale: sul pozzo centrale è incisa la data 1632, anno della definitiva sistemazione dell’edificio.

Dal cortile posteriore del palazzo si raggiunge poi la chiesa di San Sebastiano, costruita sui resti della primitiva chiesa di San Pelino, il cui campanile era originariamente la torre d’avvistamento del castello medioevale. 

Fuori le mura, ma non distante dal Palazzo Baronale, si trova invece la piccola chiesa del Suffragio. La quadratura che sovrasta la finestra sulla facciata, con i simboli della Confraternita della buona morte (tibie e teschio), ne rivela l’origine di chiesa cimiteriale delle famiglie nobili.

Sempre fuori le mura, continuano a impreziosire il paese il palazzo Piccioli, che si affaccia sull’omonima piazza, il palazzo Mancini-Marchi-Piccioli con la cappella San Gennaro, e il palazzo De Roccis, detto del Milionario, caratterizzato da bellissimi pavimenti a mosaico.

Vicinissima al borgo, merita una visita anche la frazione di Civitaretenga, dove si trova il monastero di Sant’Antonio, col chiostro del XIII sec. e l’annessa chiesa rinascimentale (terminata nel 1489) dal bellissimo portale. 

 

 

Potrebbe interessare:

Roma: dal 5 al 12 dicembre torna la fiera nazionale della piccola e media editoria “Più libri più liberi”
Roma, torna il Maritozzo Day il primo dicembre
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti