Alla Camera di Torino la prima mondiale di Skoglung

Print Friendly, PDF & Email

Sandy Skoglund, tra le artiste contemporanee più note al mondo per le sue opere a colori dedicate alla vita quotidiana, spesso di grandi dimensioni, espone dal 24 gennaio al 24 marzo a Torino.


Si intitola ‘Visioni ibride’ la mostra allestita a Camera, il Centro italiano per la fotografia che nel 2018 è stato visitato da 53 mila persone.

Curata dal celebre Germano Celant, si compone di 100 opere, compresa l’inedita ‘Winter’, alla quale l’artista ha lavorato per 10 anni.

In mostra opere icone dell’arte negli anni ’80-’90 come ‘Radioactive cats’ (1980) e ‘Revenge of the goldfish’ (1981), ‘Fox games’ (1989) e ‘The Green House’ (1990).

Lavori che riportano scene di vita vera abitate da essere fantastici e animali colorati. “Skoglund lavora sulla serialità e sull’emozione, lavorare con lei è un privilegio”, dice Celant.

“L’idea di Winter – spiega l’artista – è nata dall’emozione che da sempre suscitano in me l’inverno e i fiocchi di neve, come quelli che cadono oggi a Torino”.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Donne, tra simbolo e rivoluzione, alla Gam di Roma
Fontana per la prima volta a New York
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Funghi, passione d’autunno

Porcini, chiodini, ovuli, champignon, pioppini e ‘mazze di tamburo’. Dal Piemonte alla Sicilia, i funghi, che siano grigliati, gratinati, trifolati, cotti in umido o sottolio, ...
Vai alla barra degli strumenti