Donne, tra simbolo e rivoluzione, alla Gam di Roma

Print Friendly, PDF & Email

Sono angeli da contemplare o crudeli seduttrici, fonti di ogni peccato o muse ispiratrici, dive irraggiungibili o corpi nudi da ammirare; sono mogli e madri, non sempre felici, a volte inquiete e distanti; sono creature dubbiose e segnate dalla solitudine esistenziale, ma anche tenaci rivoluzionarie che riflettono sulla propria identità, con la determinazione a emanciparsi da una società patriarcale.

A cura di Arianna Angelelli, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, la mostra si focalizza sulla rappresentazione della donna e sulla sua evoluzione tra correnti artistiche e contesti culturali, in un percorso di circa 100 opere (dipinti, sculture, grafica, fotografie e video) che dalla fine dell’800 conduce fino ai giorni nostri.

Dall’immagine femminile nell’amor sacro e nell’amor profano con “Le vergini savie e le vergini stolte” di Giulio Aristide Sartorio e “La sultana” di Camillo Innocenti, ai corpi nudi rappresentati da Felice Carena, Mario Ceroli e Fausto Pirandello (a quest’ultimo è dedicato un focus a parte, in una sorta di piccola mostra nella mostra); dall’indagine introspettiva resa sulla tela con i ritratti (un lungo corridoio in cui brilla per intensità e bellezza l’omaggio che Balla fa alla moglie Elisa ne “Il dubbio”) alla raffigurazione della maternità, tra Antonietta Raphael e Pino Pascali, e dell’inquietudine, con la “Susanna” di Felice Casorati, si arriva alla decostruzione e ricostruzione dell’identità femminile a partire dagli anni ’60, di cui diviene emblema “L’altra ego” di Giosetta Fioroni e Marco Delogu.

Un’ultima sala infine, più politica, approfondisce le relazioni tra arte, lotte femministe ed emancipazione femminile, con materiale documentario proveniente da Archivia – Archivi Biblioteche Centri Documentazione delle Donne.

Con uno sguardo femminile e femminista, la mostra ha il pregio non scontato di valorizzare le collezioni d’arte contemporanea capitoline (con opere mai esposte o non esposte da lungo tempo), ma soprattutto di offrire al pubblico tante letture, da quella più propriamente artistica a quella sociale fino a quella politica.

Anche per questo, a corredo dell’esposizione, è previsto un fitto calendario di attività, fra aprile e ottobre, nel segno dell’interdisciplinarietà (letture, proiezioni, performance, incontri) con l’obiettivo di riflettere sulla questione femminile in chiave attuale. In primavera poi anche un contest, #donneGAM, attraverso il quale la Galleria inviterà il pubblico a condividere sui social network fotografie di donne protagoniste della propria storia.

 

Potrebbe interessare: 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti