Destinazioni poco battute, alloggi insoliti e vita da local: ecco i trend dei viaggiatori per il 2019 rilevati da Booking.com

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Sogni di svegliarti in uno chalet per ammirare da vicino gli animali nel loro habitat naturale o in una casa di campagna per riscoprire le tradizioni locali? Non sei l’unico ad avere questi gusti, visto che in base a una ricerca di Booking.com, quasi un quarto dei viaggiatori di tutto il mondo (22%)* nel 2019 pensa di soggiornare in tipologie di strutture come queste.


Booking.com ha condotto una ricerca e incrociato i risultati con alcuni dati in suo possesso per svelare cosa invoglia i viaggiatori a superare le destinazioni più battute e preferire mete sconosciute scegliendo strutture alternative per le loro prossime vacanze.

Distinguersi dalla massa

Andare in vacanza offre la possibilità di uscire dalla routine, provare nuove esperienze e, a volte, persino cambiare aspetto. Non c’è quindi da stupirsi se più di un terzo dei viaggiatori (37%)* nel 2019 pensa di soggiornare almeno una volta in una struttura insolita come un castello o una casa sull’albero.

Chi viaggia non vuole solo sentirsi ispirato, ma stupire i propri amici. Molti viaggiatori preferiscono infatti optare per tipologie di strutture alternative per esprimere la loro unicità, e il 26%** di loro sostiene di preferire gli alloggi particolari sperando di diventare dei veri e propri trend setter.

Vivere come la gente del posto

Il 30% dei viaggiatori di tutto il mondo pensa di soggiornare in una villa, in un appartamento o in una casa vacanze nel 2019, approfittando anche di un cambio di prospettiva ricco di ispirazione.

Questi tipi di alloggi permettono di scoprire i dintorni di una destinazione, sentirsi come a casa e individuare perle nascoste note solo alla gente del posto. Quasi la metà (49%) dei viaggiatori pensa che soggiornando in strutture indipendenti sia possibile vedere zone di una città o di un Paese che altrimenti non avrebbe scoperto.

Un occhio al portafogli

Soggiornare in alloggi alternativi permette anche di risparmiare e, considerando che molte zone del mondo sono ancora poco battute, questo aspetto sembra incidere molto sulla scelta di chi viaggia. Il 47% dei viaggiatori italiani, in particolare, pensa infatti che soggiornando in una struttura indipendente sia possibile approfittare del miglior rapporto qualità-prezzo.

Potrebbe interessarti:

 New York ancora nel segno di Harry Potter: ora anche un caffè a tema
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti