Una volta nella vita. 8 piste da non perdere in Trentino

Print Friendly, PDF & Email
trentino

Trentino, tempo da lupi, tempo di neve, tempo di sci. Volete provare un brivido invernale, e non solo di freddo? Discese mozzafiato, canaloni e pendenze che hanno fatto la storia dello sci alpino per chi ama brividi da adrenalina


Il Trentino scende in pista. Per gli appassionati di sci, le piste da fare una volta nella vita.
Tracciati sui quali si sono sfidati i più forti sciatori del mondo, discese da brivido assolutamente da provare, piste epiche. Alcune famose per la loro lunghezza, altre per le loro pendenze intriganti, altre perché teatro di grandi appuntamenti sportivi.

  1. Canalone Miramonti, Madonna di Campiglio

Pista leggendaria, su cui si sono sfidati Bozon, Thoeni, Stenmark e Tomba. Tecnica e impegnativa, nelle prove mondiali è stata tracciato di slalom, gigante e discesa libera.
Il tracciato parte a 1725 m di altitudine e arriva a 1545 m, con una pendenza media del 27% e massima del 60%!

  1. Pista Olimpionica 2,  Dolomiti Paganella 

Usata per gli allenamenti europei dell’US Ski Team e più di recente della nazionale norvegese grazie alla sua versatilità, la pista – estremamente tecnica – si divide in tre settori: Olimpionica 1, 2 e 3.
In particolare, la 2, una nera, con il suo muro, è una vera sfida.

  1. Tognola 1, San Martino di Castrozza

Una pista varia e divertente tra i boschi dell’Alpe Tognola per oltre 5 Km di lunghezza, di fronte alle Pale di San Martino. Semplicemente un cult. Una variante facile permette di evitare l’ultimo ripido tratto, per sciatori esperti.

  1. Little Grizzly, Val di Sole

Ecco la novità della stagione, la Little Grizzly, una nera con pendenze vicine al 70%: parte dalla cima del Monte Vigo e scende lungo un bel canalone, per poi infilarsi nel bosco, e scorrere parallela alla pista “Orso Bruno”.

  1. Pista Dolomitica, Pinzolo

In pochi anni si è guadagnata la fama di pista tra le più belle dell’arco alpino. Due le varianti, entrambe molto lunghe: la Starter gli sciatori esperti (3,5 km) e la Tour per tutti gli altri (5,8 km). Vista impagabile sul Gruppo del Brenta.

  1. La Volata, Val di Fassa

La volata è adrenalina pura. Si parte da quota 2514 m per arrivare ai 1918 m del Passo San Pellegrino, con pendenze medie che sfiorano il 50%. Una nerissima caratterizzata da una serie di muri che permettono agli sciatori di prendere velocità elevate.

  1. Pista Agonistica, Alpe Cimbra 

Scendendo dalla seggiovia Fondo Grande – Martinella si imbocca una pista divisa in due parti da una rete: sulla destra c’è la pista nera Agonistica, uno dei fiori all’occhiello del Carosello Ski Folgaria, il più importante delle Prealpi Trentine.

  1. Pista Olimpia, Val di Fiemme

1.400 m. di dislivello, la pista Olimpia è una nera impegnativa, tecnica e selettiva, ed è in condizioni ottimali fino a stagione inoltrata. Alla partenza, al Paion del Cermis e nei tratti pianeggianti si resta incantati dal panorama sulle Dolomiti. Per veri campioni

INFO: www.visittrentino.info

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti