Nuovo biglietto di ingresso al Foro Romano e Palatino

Print Friendly, PDF & Email

Presso il Parco archeologico del Colosseo, a Roma, a partire dall’11 marzo sarà disponibile un nuovo biglietto al costo   di 16 euro per la visita del Foro romano e del Palatino.


Il Parco archeologico del Colosseo annuncia un nuovo biglietto dedicato esclusivamente all’ingresso al Foro Romano e al Palatino. Questo nuovo biglietto va a sostituire il biglietto S.U.P.E.R. lanciato lo scorso aprile. Avrà il costo di 16 euro, cui si aggiungono 2 euro per l’eventuale prenotazione on-line, e sarà valido un solo giorno.
A partire dall’11 marzo il nuovo ticket si aggiungerà al biglietto già esistente del costo di 12 euro, che

ad oggi consente un accesso al Colosseo e uno al Foro Romano e al Palatino nell’arco di 2 giorni.

Questa novità si inserisce in una riflessione avviata dal Parco archeologico del Colosseo per un nuovo
sistema di bigliettazione, sulla base di valutazioni e analisi che hanno messo in conto:

Il contenuto dell’offerta culturale del complesso Colosseo, Foro Romano e Palatino
Le caratteristiche e le modalità di fruizione dei visitatori
Le problematiche dei flussi logistici all’interno dei siti con ingresso contingentato
Un confronto con le politiche di valorizzazione attuate dai più prestigiosi musei e siti
archeologici mondiali.

Nell’ultimo anno si è assistito a un notevole incremento dell’offerta culturale dell’area del Parco archeologico del Colosseo, anche in termini di metri quadrati visitabili. Si sono aggiunti infatti l’apertura delle Terme di Elagabalo, del vicus ad Carinas, delle Uccelliere Farnese e del percorso storico e naturalistico lungo le Pendici meridionali del Palatino, oltre ai percorsi dedicati alla pittura romana etardo-antica. Anche il Colosseo ha ampliato la sua fruizione, con l’allestimento permanente del Museo.

Nel costo del biglietto sarà compreso l’accesso – che resta contingentato per necessità di tutela – al Museo Palatino, al Criptoportico neroniano, alle case di Augusto e di Livia, all’Aula Isiaca con la Loggia Mattei, al Tempio di Romolo, a Santa Maria Antiqua con l’Oratorio dei Quaranta Martiri e alla rampa di Domiziano. A partire dal mese di aprile, sarà finalmente aperta la Domus Transitoria.

Gli interventi di ampliamento dell’offerta si inseriscono coerentemente in uno schema ben definito che raccorda le leve di valorizzazione con quelle di conservazione e dei servizi per l’accoglienza, favorendo la fruizione anche con l’implementazione dei percorsi accessibili.
A questa prima novità sulla bigliettazione, dal 1 luglio farà seguito la definizione di una nuova politica di ticketing a conferma della linea strategica della Direzione del Parco di arricchire l’esperienza di visita, estendere il target dei visitatori, e valorizzare aree sinora meno note.

fonte: Servizio Comunicazione Parco Archeologico del Colosseo

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti