Parco archeologico di Ercolano: nel 2018 crescono i visitatori. Al via le nuove giornate gratuite

Print Friendly, PDF & Email

Roma. Il Parco archeologico di Ercolano si conferma stabilmente nella classifica dei top 30 siti italiani più visitati (tredicesimo posto), con 534.328 visitatori, con un aumento percentuale dei visitatori del 14%. Un incremento maggiore si è registrato nello studio dei dati che riguardano le adesioni e le visite virtuali ai canali social del Parco con un aumento di followers del  + 272%   per il canale Facebook e un altrettanto interessante  +60% dei followers per il canale  Instagram a conferma della giusta direzione intrapresa dall’amministrazione di aprirsi con eventi diversificati a pubblici differenti e sempre più affezionati.


Nel 2019, in più, il Parco Archeologico di Ercolano apre i propri cancelli ad un numero maggiore di giornate a ingresso gratuito, nell’ambito dell’iniziativa MIBAC #iovadoalmuseo, si potrà quindi approfittare di tale opportunità, secondo il seguente calendario,  elaborato dal Parco:

  • mercoledì pomeriggio
    dalle ore 13.00
  • 13-20-27 marzo – domenica pomeriggio
    dalle ore 14.00
  • 14-21-28 luglio
  • 11-18-25 agosto – giovedì intera giornata
    dalle ore 8.30-19.30
  • 15 agosto – festività patronale della Madonna Assunta – mercoledì pomeriggio
    dalle ore 13.00
  • 30 ottobre
  • 06-13-20-27 novembre
     

Inoltre tutte le prime domeniche del mese da ottobre 2019 a marzo 2020 rientrano nell’iniziativa Domenica al Museo, anch’essa a ingresso gratuito. Il Parco partecipa all’iniziativa ministeriale Settimana dei Musei con ingresso gratuito dal 5 al 10 marzo.

Fra le altre agevolazioni introdotte dal decreto MIBAC, il biglietto di ingresso a 2 euro per i giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Marzo è l’ultimo mese per approfittare della tariffa promo del biglietto integrato a 11 € Parco + Mostra SplendOri. Il lusso negli ornamenti ad Ercolano, la prima grande mostra all’interno dell’Antiquarium del Parco Archeologico di Ercolano, inaugurata lo scorso dicembre e che presenta una collezione di circa 200 reperti e preziosi monili, unica per quantità e valore dei pezzi esposti, oggetti appartenuti agli antichi ercolanesi, alcuni ritrovati con gli abitanti nel tentativo di porli in salvo dalla imminente catastrofe dell’eruzione, altri ritrovati nelle dimore dell’antica città. 

A partire dal 1 aprile, con l’entrata in vigore dell’orario estivo, con chiusura alle ore 19.30, il biglietto da 11€ passa a 13 € (ridotto 6,50, giovani 18-25 2  €). “Si tratta di un adeguamento delle tariffe alle attuali accresciute esigenze economiche del Parco finalizzato, insieme ad altre iniziative di ricerca di autofinanziamento, ad assicurare la sostenibilità di un’offerta culturale che stiamo ampliando di giorno in giorno e per le necessità di sicurezza del sito,- dichiara il Direttore- in coerenza con le indicazioni nazionali rivolte dalla Legge Finanziaria 2019 agli Istituti autonomi del MiBAC”.

Fonte: Parco archeologico di Ercolano

Potrebbe interessarti:

 L’arte di Manifesto invade Roma per due mesi
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti