ADSI a Vinitaly 2019: 70 cantine e dimore storiche per un vino di alta qualità

Print Friendly, PDF & Email
cantine coppo

 


Verona, dal 7 al 10 aprile l’Associazione Dimore Storiche Italia (ADSI) sarà presente al festival Vinitaly 2019. l’associazione rappresenta 70 cantine storiche, che coniugano la tutela del paesaggio con la produzione di vini di alta qualità.


ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane – rinnova la sua presenza al Vinitaly 2019, in programma dal 7 al 10 aprile.  Saranno 70 le cantine storiche presenti alla manifestazione, a cui corrisponde una produzione annua pari a 40 milioni di bottiglie e 35mila ettari di paesaggio intatto.

Cantine e dimore che rappresentano realtà di grande rilievo culturale. Un esempio di come sia possibile coniugare la tutela del paesaggio con la produzione di vini di alta qualità e con l’offerta di un turismo esperienziale che consenta di vivere la bellezza della campagna italiana.

Novità di questa edizione è la collaborazione tra l’Associazione Dimore Storiche Italiane e Confagricoltura che lunedì 8 aprile, dalle 12 alle 13, sarà presente allo stand della Confederazione.

L’evento sarà seguito da una degustazione di vini provenienti dai vitigni autoctoni dei Soci.

L’Associazione sarà direttamente presente a Vinitaly con uno stand collettivo ubicato nel Padiglione10(StandP5), nella galleria fra il Piemonte e la Toscana. “Ancora una volta la nostra Associazione – dichiara il Presidente Gaddo della Gherardesca – conferma-grazie all’impegno concreto dei proprietari – il suo ruolo primario ed insostituibile non solo nella conservazione e fruizione del patrimonio culturale del Paese, ma anche nel contributo costante e crescente al benessere economico della comunità rurale. I vitigni autoctoni, da cui provengono le produzioni delle nostre aziende, riflettono l’identità di un territorio e le sue peculiarità, e sono quindi garanzia di qualità, eccellenza e tradizione.”

Le cantine storiche presenti a Vinitaly sono tutte aperte alle visite, su prenotazione, e in molti casi sono collegate o in vicinanza di dimore d’epoca che offrono diverse tipologie di ospitalità, consentendo così agli operatori e appassionati della cultura del vino di visitare luoghi di grande fascino, in cui numerose generazioni hanno lasciato la propria impronta.

Fonte: ADSI ufficio stampa

Potrebbe interessarti anche:

Turismo Enogastronomico: gli Italiani sempre più turisti per… Vino!
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti