Il cuore selvaggio dell’Oman

Print Friendly, PDF & Email

Se desiderate una full immersion nella natura, l’Oman è giusto! Marzo è il mese ideale dal punto di vista climatico e la fioritura delle rose a Jabal Akhdar è uno spettacolo da non perdere. Ovunque nel Sultanato, il campeggio è libero ed è possibile accamparsi in spiaggia, in montagna, o nel deserto. Gli unici località in cui non è consigliabile campeggiare sono le riserve naturali, per non rischiare di spaventare gli animali, e i wadi, per la conformazione dei corsi d’acqua che vi scorrono. Inoltre, l’Oman è uno dei paesi più sicuri al mondo e gli omaniti sono una popolazione eccezionalmente ospitale e gentile.


Montagna

Le montagne rappresentano una parte importante dell’ambiente geografico omanita e ospitano una variegata presenza floreale e faunistica. La vetta del Jebel Shams, “La Montagna del Sole”, che culmina a 3.009 metri, è considerata il punto più alto dei Monti Hajar ed è il luogo ideale per un campeggio wild in alta montagna. Sulla “Montagna del Sole”, chiamata così per essere il primo punto toccato dal sole che sorge, sono state allestite aree di sosta per i visitatori, affinché possano assaporare momenti preziosi in seno ad una natura incantevole.

Nella regione di Ad Dakhiliyah, spicca Jebel Akhdar, “La Montagna Verde”, che tocca i 2.980 metri. Conosciuta per il vasto altopiano situato in prossimità della vetta, è ricca di alberi da frutto delle specie più varie, come gli albicocchi, i peschi, i fichi, le vigne, i meli, i peri, i mandorli, i noci e le piante di zafferano.  Qui si trovano inoltre i melograni, considerati tra i migliori al mondo. I contrafforti della montagna pullulano di villaggi, i cui abitanti hanno adibito alcune zone alla coltivazione a terrazza.

Il punto più alto della strada percorribile in auto che costeggia i Monti Hajar è Sharaf Al Alamayn, che si trova ad un’altezza di 2000 metri. La vista sulla vallata mozzza il fiato. Durante l’estate è possibile fare arrampicata e, lungo la salita, campeggiare in totale libertà.

Altri spot dove è possibile piantare la tenda nelle vicinanze di Jabal Shams sono Wadi Damm, con una splendida vista, molto tranquillo e con la possibilità di fare un bagno in una piccola piscina naturale, e raggiungibile solo con 4×4, e per chi volesse fermersi a dormire in tenda nella zona di Jebel Al Akhdar, bene tenere a mente l’escursione termica data dall’altitudine (2300mt) e premunirsi con sacchi a pelo adeguati e maglieria termica.

 
Mare

La fascia costiera omanita si estende per 3.165 km, costeggiando il Mare dell’Oman, il Mar Arabico e lo stretto di Hormuz e una ricca varietà paesaggistica: spiagge di sabbia, coste rocciose, baie, isole e lagune.

A un’ora da Muscat, la spiaggia di As Sifah è perfetta per una notte di campeggio partendo dalla capitale. Una piccola duna, che si eleva proprio dietro alla spiaggia, offre riparo dal vento e dalla brezza notturna. Poco più a sud, un altro spot ove campeggiare gratuitamente e in totale libertà è il campsite vicino Qalhat, da cui ammirare un’alba indimenticabile.

A circa 60 km dalla città di Sur, la spiaggia di Ras Al Hadd è spettacolare: perfetta per chi vuole svegliarsi al mattino con vista sul Mare d’Arabia.  Per chi decide di accamparsi in zona a non piantare le tende a Ras Al Jinz, riserva naturale delle tartarughe verdi.

Qui è possibile fare trekking attraverso le saline per poter raggiungere la spiaggia di Bar al Hikman, un isolato litorale di sabbia bianca che sembra galleggiare su una laguna paradisiaca abitata da fenicotteri, aironi, pesce gatti euroasiatici e vari tipi di scolopacidi, uccelli acquatici dal lungo becco. È possibile campeggiare liberamente nell’area circostante di Ash Sharqīyahgodendo della vista di questo paesaggio mozzafiato.

A Masirah Island, la più grande isola di tutto l’Oman, ci si può accampare quasi ovunque. Una location perfetta per un camping in puro stile wild: persino per gli standard dell’Oman, si troveranno davvero poche persone. L’unica sfida sarà quella di trovare un riparo dal sole durante il giorno.

A pochi minuti d’auto dalla città omonima, si trova la spiaggia di Salalah. Essendo così comoda da raggiungere, solitamente i locali, durante la sera, si riversano sulle sabbie bianche apparentemente infinite per un barbecue o un drink in compagnia. Verso le 11 torna ad essere un luogo tranquillo nel quale trascorrere la notte aspettando l’alba più memorabile della vita.

A poca distanza da Salalah, la spiaggia di Mughsail è universalmente riconosciuta come il miglior tratto sabbioso dell’Oman. E chi non vorrebbe trascorrervi almeno una notte di campeggio libero? Vi si possono trovare aree picnic attrezzate in piccole radure, arbusti di Boswellia sacra, l’albero dell’incenso, qualche cammello che fa una passeggiata in riva al mare e soprattutto l’incantevole vista delle acque turchesi dell’Oceano Indiano.
 

Nel deserto 

Per un campeggio più tranquillo tra le dune, Rub’ Al Khali, il secondo deserto sabbioso più grande al mondo, può essere la soluzione più adatta per una notte in perfetto stile omanita. Indagando il significato della parola, scopriamo che “Rub’ Al Khali” significa “Il quarto vuoto”, dove il “quarto” è inteso come “quarta parte” dopo cielo, terra e mare.

Ultimo ma non per questo meno importante, non lontano dal mare, troviamo le dune sabbiose del più famoso deserto omanita: Sharqiyah Sands, il deserto che si estende da nord a sud coprendo una lunghezza di 180km. Come in tutti i deserti, trascorrere la notte in uno scenario così isolato e selvaggio è una vera e propria estasi. Da non perdere, le magnifiche stellate che questo magico paesaggio può offrire.

Oltre ai campeggi autonomi, per coloro che sono alla ricerca di qualcosa di straordinario, alcuni operatori in Oman organizzano camping privati combinando l’esperienza di un campeggio eco-friendly tradizionale con il comfort di un alloggio di lusso: sono i cosiddetti glamping, che fondono glamour e camping in un’esperienza unica per gli amanti del lifestyle e del lusso ecosostenibile. I tour vengono organizzati su misura in perfetto stile omanita e tutte le attività vengono programmate in base ai gusti e ai desideri dei viaggiatori, che potranno godersi il viaggio senza pensieri. 

Potrebbe interessarti:

 Genova – Ponte Morandi, Conte inaugura i lavori
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Sapori d’autunno: i funghi

L‘arrivo dell’autunno porta con sé non solo colori incantevoli che ricoprono buona parte della vegetazione, creando un’atmosfera magica, ma anche tanti prodotti delle terra che ...
Vai alla barra degli strumenti