A Londra una mostra sulla parità di genere

Print Friendly, PDF & Email

Apre a Londra la mostra più attesa e chiacchierata dell’anno (fino al 2 giugno): il nudo nel Rinascimento, ovvero la raffigurazione del corpo umano, tra sacro e profano.


Più di 80 opere, dal 1400 al 1530 di artisti come Tiziano, Raffaello, Michelangelo, Bronzino, Leonardo, Dürer e Cranach, esposte alla Royal Academy of Arts, per raccontare la trasformazione dell’idea di bellezza nell’arte.

E fin qui la grande attesa nei confronti dell’esposizione non sarebbe giustificata, se non che i curatori hanno annunciato che il criterio per la selezione delle opere esposte è stato quello della ‘parità di genere’, si potranno dunque ammirare un numero di nudi femminili pari a quelli maschili.

Per questo i media inglesi hanno già definito la mostra “la prima dell’era del #metoo”.

Una scelta che potrebbe apparire ininfluente, se non fosse per le recenti polemiche sul Metropolitan Museum dopo l’esposizione dell’opera di Balthus Thérèse Dreaming, accusata di riferimenti sessisti troppo espliciti e di promuovere la pedofilia.

 

Fonte: Ansa

Potrebbe interessare:

Un viaggio nella Londra dei Queen
Le origini napoletane delle zeppole di San Giuseppe Festa del papà con le zeppole
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Firenze: a sorpresa arriva Russell Crowe

Musei: Russell Crowe in visita agli Uffizi di Firenze. Selfie per il gladiatore con il direttore del complesso museale Eike Schmidt ll ‘Gladiatore’ Russell Crowe ha visitato ...
Vai alla barra degli strumenti